rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022

Sciopero dei rider e contratto della logistica, quali sono i nodi critici

I rider che consegnano merci a domicilio hanno proclamato uno sciopero per il 25 maggio. Il contratto degli operatori della logistica siglato alcuni mesi fa prevede il loro impiego, qual è dunque lo stato dell’arte? I riders sono previsti dall’ultimo contratto collettivo della logistica firmato lo scorso 2 dicembre dopo 23 mesi di trattative (il precedente contratto collettivo era stato firmato il 31 agosto 2013 ed era scaduto il 31 dicembre 2015).

Il contratto è stato firmato da varie associazioni e sindacati: Confetra, Anita, Conftrasporto, Cna-Fita, Confartigianato trasporti, Sna-Casartigiani, Claai e Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. Il problema è tuttavia la sua applicazione a piattaforme online che non sono iscritte alle associazioni firmatarie del contratto stesso e/o che per le loro consegne utilizzano collaboratori e non dipendenti. Gli operatori della logistica coperti dal contratto sono circa 700mila ma una postilla del contratto stesso rimanda a ulteriori approfondimenti e accordi l’approntamento di “definizioni delle nuove figure di lavoratori adibiti alla distribuzione delle merci tramite cicli, ciclomotori, motocicli, natanti e imbarcazioni, le declaratorie e i livelli di inquadramento e l’orario di lavoro”.

La tutela dei rider rimane indiretta per ora, perché i firmatari del contratto si sono impegnati a ‘esternalizzare’ i servizi di consegna delle aziende da loro rappresentati solo a chi rispetti i principi di quello stesso contratto collettivo. I sindacati hanno pure firmato quel contratto, con la sua disciplina di massima, ma hanno buon gioco a invocare maggiori protezioni, sebbene queste dipendano anche dalle capacità e dall’attenzione che le rappresentanze dei lavoratori hanno messo nella contrattazione relativa alla logistica. Il contratto fissa in 39 ore settimanali la durata dell’orario di lavoro da distribuire su 5 o 6 giorni. Qualora nell’arco di 4 mesi la media oraria di impiegato del lavoratore fosse superiore a tale limite, le ore eccedenti dovranno essere retribuite come prestazione straordinaria (la durata della settimana lavorativa non potrà comunque superare le 48 ore, compresi gli straordinari).

Si parla di
Sullo stesso argomento

Sciopero dei rider e contratto della logistica, quali sono i nodi critici

Today è in caricamento