Sabato, 18 Settembre 2021

L’incapacità dei Comuni di fornire strade adeguate costa 585 milioni alle imprese

Una ricerca condotta da TomTom Telematics (TomTom Traffic Index Report) ha quantificato il valore del tempo sprecato dai veicoli aziendali per via dell’inadeguatezza della rete viaria urbana e dell’ottusità di amministrazioni comunali incapaci anche solo di capire l’esistenza del problema (come attesta il fatto che anziché migliorare l’offerta viaria i Comuni riducano la fluidità del traffico stesso abbassando a 30km/h dai 50km/h ordinari il limite di velocità lungo determinate strade, di solito strette o con un ampio numero di auto parcheggiate ai lati).

Vale 585 milioni di euro il tempo perso nel traffico nelle 25 città più congestionate d’Italia nel 2016. Il traffico congestionato ha incrementato mediamente il tempo di viaggio del 25%, pari a circa 24 minuti in più al giorno per veicolo. I 24 minuti persi da ogni veicolo aziendale ogni giorno costano 3,75 euro secondo calcoli effettuati da TomTom Telematics tenendo conto dei livelli retributivi previsti dai contratti di lavoro collettivi in vigore nel comparto della logistica.

Sono 675.601 i veicoli industriali (leggeri e pesanti) transitati nelle città italiane con più alto tasso di traffico nel 2016 (dato ACI). Roma, Napoli, Milano e Torino hanno visto peggiorare la situazione rispetto al 2015 e Roma, Palermo e Messina presentano livelli di traffico e di tempo di spostamento particolarmente preoccupanti; nel complesso nelle 25 città in questioni nel 2016 vi è stato un incremento delle percorrenze medie del 2% rispetto al 2015. Le autostrade rappresentano il 2% della rete di trasporto su gomma di tutta Italia.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

L’incapacità dei Comuni di fornire strade adeguate costa 585 milioni alle imprese

Today è in caricamento