Giovedì, 25 Febbraio 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

In 10 anni triplicati i turisti canadesi in Italia, ma ora crescono soprattutto i visitatori da Oriente

Entrate turistiche in aumento per l’Italia soprattutto grazie ai visitatori provenienti dal Medio Oriente e dal Far East, secondo quanto attestano i dati di Best and Fast Change, società fiorentina tra i principali cambiavalute d’Europa, per il 2017 (ultima stagione turistica estiva per la quale si hanno dati completi).

La valuta più cambiata da turisti stranieri in Italia è stata il Dinaro kuwaitiano: nel 2017 l’incremento delle transazioni ha toccato il 55%. L’aumento delle operazioni di cambio è stato significativo anche per Shekel israeliano (+30%), Yen giapponese (+16%), Rublo russo (+14%) e Lira turca (+13,6%). Lo Yuan cinese lo scorso anno ha fatto registrare un aumento di transazioni del 5%.

La spesa per vacanze dei turisti dell’Asia è cresciuta del 9,6% nel 2017, come afferma l’Indagine sul turismo internazionale divulgata dalla Banca d’Italia, da cui emerge che i viaggiatori stranieri in Italia hanno speso lo scorso anno 39,2 miliardi, pari al 2,3% del Pil, per un incremento del 7,7%, ha rilevato Fabrizio Signorelli, amministratore unico di Best and Fast Change.

Dal 1997 al 2017 il Canada ha triplicato il flusso di turisti verso l’Italia, con una crescita del 301% secondo i dati via Nazionale. I maggiori incrementi, a seguire, sono stati quelli di turisti provenienti da Spagna (+164%), Oceania (+132%), Francia (+120%), Regno Unito (+97%), America  extra Usa e Canada (+81%), Svizzera (+76%), Usa (+52%), Russia (+28%), Austria (+21%), Germania (+3%). I flussi provenienti da Germania e Francia valgono da soli oltre 10 miliardi mentre la Sterlina paga il post-Brexit con un calo di transazioni del 13,5%.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In 10 anni triplicati i turisti canadesi in Italia, ma ora crescono soprattutto i visitatori da Oriente

Today è in caricamento