Venerdì, 5 Marzo 2021
Asso di denari

Asso di denari

A cura di Carlo Sala

Vendite per 1,8 miliardi tramite le macchinette per la distribuzione automatica 

Foto di repertorio

Aumentano i distributori automatici, secondo quanto rileva la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sulla base dei dati del registro delle imprese al primo trimestre 2018 e 2017. In Italia ci sono circa 6mila attività nel settore della distribuzione automatica: 3.583 sedi di impresa e 2.381 unità locali (2.381). Nel complesso, in un anno sono cresciute del 2%.

Le consumazioni tramite distribuzione automatica hanno superato i 5 miliardi, nel 2017, con una crescita dell’1,31% rispetto al 2016, riferisce Massimo Trapletti, presidente di Confida (Associazione Italiana Distribuzione Automatica). Il giro d’affari ha superato la quota di 1,8 miliardi di euro. A questi dati si aggiunge il mercato del cosiddetto del ‘porzionato’ ossia il caffè e le bevande calde in capsule e cialde che vale ulteriori 1,7 miliardi per 6 miliardi di consumazioni l’anno.

In Italia ci sono 810mila vending machine, Roma è in testa alla classifica delle città italiane per numero di attività di distribuzione automatica (424 attività, il 7,1% del totale italiano), davanti a Milano (358, 6%) e Torino (307, 5,1%). Tra i primi dieci territori, crescono nel 2018 soprattutto Bari (+15,5% in un anno), Taranto (+13,5%) e Palermo (+8,1%). La Lombardia è la prima regione italiana per numero di attività nel settore, con 862 attività (di cui 521 sedi) e un peso del 14,5% sul totale nazionale. Milano è prima per concentrazione, 358, seguita da Brescia (82), Bergamo (77) e Monza e Brianza (74). Varese è quinta con 60 attività. Sondrio (+11,1%), Bergamo (+5,5%) e Cremona (+5,3%) sono le aree che crescono di più tra 2017 e 2018.

L’84% delle vending machines consente di pagare in modalità cashless (con chiavetta), il 3% con carta di credito e il 2% con app. «Le aziende italiane che sono leader mondiali nella produzione di distributori automatici – sottolinea Trapletti – stanno scommettendo con decisione sullo sviluppo del mobile payment e del contactless e puntano in particolare sulle app, che permettono di poter dialogare col consumatore, analizzando le sue preferenze con l’obiettivo di migliorarne l’esperienza di acquisto».
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Vendite per 1,8 miliardi tramite le macchinette per la distribuzione automatica 

Today è in caricamento