Delirio di vita

Delirio di vita

Come cambia la concezione del tempo per un paziente oncologico

Da quando si riceve la notizia di avere un tumore i secondi diventano minuti. Le ore non passano mai. All'inizio un dramma. Si entra in un limbo dove continui a fare le cose di routine in maniera automatica. Uno shock talmente forte che si fa fatica ad assimilarlo. Vivi i primi giorni come un film a rallentatore. Poi iniziano le visite, le operazioni, la radio, la chemio, le cure e tutto intorno continua a muoversi, tu spettatore di un film che non sai quando finirà e quanto durerà.

Tutto quello che fai è inizialmente subire quello che ti dicono di fare affidandoti ciecamente al medico. Ma poi ti fermi e rifletti. Inevitabilmente. E ti chiedi quante cose che non hai fatto, quanti viaggi, quante amicizie trattate male, quante passeggiate mancate, quanti sorrisi non dati, quel corso di cucina sempre rimandato, quel non provare quel lavoro che chissà magari poteva andare bene. Tutto prende una luce diversa, come sotto un'enorme lente di ingrandimento. Passi tutto al vaglio. Tutto. E lo sgomento iniziale si trasforma. Si trasforma in voglia di cambiare, di fare tutto quello che non si era fatto prima. E il tempo, il ticchettio dell'orologio cambia di nuovo. Il tempo non più nemico ma quell'amico fondamentale per "fare", per cambiare e migliorare. I minuti diventano ore e ti chiedi "ma quanto tempo ho perso fin'ora". E, nonostante il fisico, ricominci. Fai piazza pulita di tutte le zavorre che ti avevano accompagnato fino a quel momento e che rallentavano la tua crescita personale, dagli affetti alle amicizie, anche al lavoro. Quello che reputavi egoismo diventa sano amor proprio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ormai, chi mi segue, conosce bene la mia storia. Come me tantissime altre donne hanno rivoluzionato con coraggio la loro vita. Tantissime. Ma, attenzione, molte persone che circondano queste donne, scambiano il cambiamento come un momento di pazzia, di follia, di delirio. Ma momento non è. E' presa di coscienza di sé stesse. Una presa di coscienza non più temporanea, ma definitiva, con la pesante coscienza di far male a chi ti circonda, di dargli un colpo, una mazzata stravolgendo improvvisamente una routine quotidiana e, per fare questo, vi posso assicurare, ci vuole tanto coraggio. Ma è inevitabile. E' come in battaglia. Per vincerla bisogna che ci siano delle vittime. E con dolore, con immenso dolore, tagli i fili di quelle zavorre che ti portavi dietro da anni e ti accorgi che, forse, avresti dovuto farlo molto prima ma che all'epoca avevi perso te stessa e ora, la malattia, paradossalmente, ti ha dato la forza, la chiarezza per ricominciare. Per vivere. Per vivere finalmente la tua vera vita sfruttando al massimo ogni suo istante, ogni secondo, minuto, ora. Credendo te per prima in te stessa e non permettendo più a nessuno di buttarti giù.

Delirio di vita

Tre anni fa ho avuto due tumori al seno destro. Lo stop della vita al momento della diagnosi e l’inizio della mia rivoluzione, del mio “delirio”. Lascio con coraggio e dolore un matrimonio infelice perché completamente abbandonata a me stessa da sempre. Inizio a scrivere la mia storia ”romanzata” dove la protagonista, Lavinia, affronta la malattia riponendo in maniera ossessiva e passionale nel suo radioterapista la speranza della salvezza da essa. Mi sono rialzata con forza e ogni giorno lo faccio, grazie anche ai miei tre figli che mi sostengono. Scrivere è la mia medicina. Dopo il successo dell’articolo di Roberta Marchetti sul mio libro, sulla mia storia, dopo tutti i vostri commenti, la redazione mi ha proposto di aprire questo blog per dare voce a questo “delirio” che da oggi vorrei fosse anche il vostro. Il nostro. Perché insieme, uniti si combatte meglio e perché fino ad oggi si è taciuto fin troppo. Urlate più forte che potete. Gridate il vostro dolore e la vostra forza. Non siete più soli. Siamo una famiglia. Scrivete le vostre esperienze senza veli. Qualcuno risponderà, sempre pronto a sostenervi. Io per prima. E saremo più forti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento