Giovedì, 17 Giugno 2021
Digital Italia

Opinioni

Digital Italia

A cura di Gabriele Ferrieri

Fashion Tech, ANGI: l’innovazione accende il futuro del settore della moda

L’innovazione per il settore della moda rappresenta una grande opportunità per intercettare e ripensare le ultime tendenze derivanti dal mondo del fashion tech, poiché ci sono nuove aspettative da parte dei consumatori e delle nuove generazioni: dalla generazione Y fino alla generazione Z dei cosiddetti nativi digitali. L’innovazione e le nuove tecnologie possono pertanto portare avanti un processo di valorizzazione del settore all’insegna della sostenibilità e fornire alle imprese operanti della filiera, nuove opportunità di crescita e sviluppo per i loro prodotti (abiti, tessuti e accessori).

L’accelerazione dei processi sul mondo digitale sta portando benefici in tutti i settori, compreso quella della moda che, tramite nuove tecnologie come la robotica, il wearable, l’intelligenza artificiale, la blockchain e l’innovazione di prodotto e processo, puntano ad evidenziare i cambiamenti in atto per il mondo del fashion e l’opportunità per la nascita di nuove figure professionali. Strumenti che saranno utili anche alla valorizzazione del Made in Italy e alla lotta alla contraffazione grazie alla garanzia di qualità e alla provenienza dei materiali e della lavorazione a sostegno dei più importanti brandi del settore moda italiano.

Spunti e riflessioni sul settore moda che arrivano dalla maratona digitale della Pow-Wow Fashion Tech Week 2021 che vede tra i partner sostenitori quello dell’ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori, punto di riferimento dell’innovazione in Italia e tra le realtà più rappresentative dell’ecosistema paese.

Se si guardano poi i numeri del settore, nonostante il calo dovuto alla crisi, dove le aziende italiane nel 2020 hanno perso il 23% del giro d'affari, che nel 2019 era di 71,1 miliardi di euro, la previsione di una ripresa a partire dal 2021 (+10%) prevede il raggiungimento dei livelli pre-crisi nel 2023. La ripresa si baserà proprio sulla digitalizzazione e sulla sostenibilità, fatta salva la necessità, a livello locale, di fare sistema. E infine sul tema circa l’impegno nella salvaguardia dell'ambiente, le più grandi aziende mondiali della moda intanto crescono, a guardare i dati dei bilanci di sostenibilità 2019: a partire dal calo dei consumi idrici (-3,4%), delle emissioni di anidride carbonica (-5,1%), dei rifiuti prodotti (-3,1%) e all'aumento del ricorso all'energia elettrica rinnovabile (dal 42,6% nel 2018 al 49,9% nel 2019).

Si parla di

Fashion Tech, ANGI: l’innovazione accende il futuro del settore della moda

Today è in caricamento