rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Digital Italia

Opinioni

Digital Italia

A cura di Gabriele Ferrieri

Innovation Ability: nuova frontiera per il tessuto culturale e produttivo dell’Italia

Il tema dell’Innovation Ability desidera essere quel tessuto culturale e produttivo che riesca ad integrare in concreto le “diverse abilità” dell’uomo, superando il concetto di ”mancanze” che rappresenta un deficit culturale precostituito che non accelera i processi di coscienza e di crescita personale dell’individuo: oggi la conoscenza digitale deve essere parte integrante della persona e delle sue necessità che siano esse evidenti o strutturali senza che esse possano essere un ostacolo.

Abili e diversamente abili convivono infatti nelle stesse condizioni ambientali con tutte le variabili delle mutazioni genetiche economico produttive: crescere assieme nella diversità rappresenta un principio che deve porre l’accento su come l’essere inteso come essere vivente possa partecipare alla socialità del contesto in cui opera. Un principio di solidarietà e di sussidiarietà che mette i giovani al centro di un’agenda politico culturale che deve essere condotta con coraggio e determinazione.

La tecnologia su questo tema, come più volte evidenziato dagli stakeholder del mondo innovazione, tra cui l’ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori, ha permesso di condividere le stesse opportunità e gli stessi percorsi per poter affrontare le carriere e gli obiettivi in un’ottica completamente rivoluzionaria: una crescita professionale in cui l’investimento non è l’indice dei profitti bensì la creazione dell'humus culturale adatto affinché le persone mettano a sistema le proprie conoscenze al di là del metodo e della modalità espressiva, del proprio modo di comunicare e di ragionare.

Si veda il riconoscimento della lingua dei segni, come lingua di comunicazione istituzionale e non solo. E ancora l’importanza di una nuova imprenditoria che veda nelle persone la capacità di adattamento nella ricerca della dignità lavorativa e non un numero posto per norma di legge provocando disillusione e classismo sociale.

Da qui una sfida nel campo del percorso scolastico e professionale che desidera valorizzare il potenziale delle persone abili e disabili, in quanto umani, mettendole al centro di un sistema di benessere collettivo in cui tutti sono carpentieri e lavoratori, garantendo il proprio talento a favore della società.

Crescere quindi in un contesto proattivo dal punto di vista dei servizi fa comprendere le necessità di una fascia sociale che prima delle altre sente il vento di cambiamento e di innovazione: oggi esiste e si percepisce tale energia inespressa, di connettere quelle esigenze in spazi condivisi, virtuali o fisici, che possano dare una visione spaziale di una realtà che in molte occasioni riduciamo a pareri di parte e di portata.

Si parla di

Innovation Ability: nuova frontiera per il tessuto culturale e produttivo dell’Italia

Today è in caricamento