Giovedì, 24 Giugno 2021
Digital Italia

Opinioni

Digital Italia

A cura di Gabriele Ferrieri

Innovazione, ANGI: nuove agevolazioni per startup e Pmi innovative

Il governo prosegue la sua azione mirata a rilanciare l’economia e a salvaguardare il contesto sociale del Paese. Molte le azioni in campo che puntano da un lato a creare un’espansione degli investimenti e dall’altro a velocizzare la trasformazione tecnologica e digitale. Un percorso che si auspica possa garantire una generale razionalizzazione dei processi delle politiche pubbliche dell’innovazione, ristrutturando l’infrastruttura amministrativa e normativa, istituendo anche una commissione parlamentare sul tema e accelerare i processi di adozione delle reti a banda ultralarga e della tecnologia 5G.

Nel frattempo, tra le varie misure che dovrebbero rientrare nel Decreto sostegni bis vi è anche un incentivo per le persone fisiche che investono in PMI e Startup innovative, prevedendo che non siano soggette ad imposizione le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni al capitale di imprese (acquisite mediante sottoscrizione di capitale sociale e possedute per almeno tre anni). Questo si auspica possa portare ad una maggiore sensibilizzazione nel sostenere a livello economico i progetti d’impresa ad alto valore tecnologico.

E proprio grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sarà possibile con nuove risorse, mettere solide basi al rilancio del Paese, affinché anche i progetti di digitalizzazione delle imprese e della pubblica amministrazione vedano coinvolte startup e imprese innovative.

In questo contesto, l’ANGI - Associazione Nazionale Giovani Innovatori ha illustrato, nel corso delle audizioni parlamentari sul PNRR, l’importanza di rivalutare in toto il sistema delle politiche pubbliche a sostegno dell’innovazione e l’importanza di mettere al centro i giovani e il digitale come motore trainante per il futuro dell’Italia. Partendo anche dal discorso per Roma Capitale che, rispetto alle altre capitali europee, ha infrastrutture limitate per la creazione di imprese ad alto valore di innovazione. La linea di intervento su Roma Capitale si auspica possa portare maggiori risorse per colmare il suo gap digitale e tornare ad essere terreno fertile per la valorizzazione di imprenditoria giovanile di stampo innovativo.

In conclusione, molti sono gli obiettivi da conseguire di primario interesse tra cui: amplificare la domanda di prodotti e servizi per uno sviluppo maggiore a favore delle aziende e una maggiore consapevolezza sulla spesa per i consumatori, unita ad un aumento della capacità attraverso le più recenti tecnologie abilitanti. Di primaria importanza resta la necessità di valorizzare l’attuale offerta tecnologica, sia a livello privato che a sostegno dei processi della pubblica amministrazione, attraendo maggiori investimenti per promuovere maggiore accessibilità ai servizi ed infine consolidare gli abilitatori, garantendo un ecosistema aperto a tutti i processi di accelerazioni sul fronte tecnologico e digitale.

Si parla di

Innovazione, ANGI: nuove agevolazioni per startup e Pmi innovative

Today è in caricamento