Martedì, 18 Maggio 2021
Digital Italia

Digital Italia

A cura di Gabriele Ferrieri

Innovazione e startup: la tecnologia principale alleato per il rilancio dell’economia

Lo sguardo è rivolto alla ricostruzione dell’Italia e del suo tessuto sociale colpita dalla pandemia. L’europeismo e la fedeltà all’alleanza atlantica sono saldi principi di partenza insieme all’uso strategico e mirato dei miliardi del Next Generation Eu dentro la quale c’è l’obiettivo di portare avanti un percorso all’insegna dei giovani, dell’innovazione e della sostenibilità.

In questo contesto si evidenzia come le diverse aziende italiane abbiano spinto il pedale dell'acceleratore sui progetti di trasformazione digitale. Se lo stato di emergenza rischia di aumentare il divario tecnologico fra le imprese, le organizzazioni più pronte a gestire il cambiamento stanno investendo in innovazione con l’obiettivo di aumentare i propri ricavi con una velocità fino a cinque volte superiore rispetto alle aziende ritardatarie.

La tecnologia è stata un importante alleata per la continuità operativa di moltissime imprese, soprattutto durante il primo lockdown, e ha favorito la nascita di nuovi modi di lavorare, interagire e di fare business, modificando le aspettative e i comportamenti dei consumatori. Ed è proprio in un contesto in cui le aziende sono chiamare a reinventarsi che saranno i leader più coraggiosi e visionari a definire i nuovi scenari.

Nel panorama italiano diverse sono state le iniziative a sostegno di progetti innovativi a impatto sociale e ambientale presentati da startup, spin-off, pmi ed enti del terzo settore che hanno avuto modo di sviluppare già iniziative ad elevato tasso di innovazione sociale e tecnologica per affrontare le sfide sociali e ambientali delle città e delle comunità.

In conclusione, i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza possono permettere una conversione che possa eliminare le problematiche strutturali presenti da tempo all’interno del settore imprese e che l’emergenza pandemica ha fatto emergere in superficie. E’ necessario il coinvolgimento delle startup nei progetti del PNRR, definendo specifici partenariato di collaborazione fra pubblico e privato, accompagnato da uno snellimento dell’opprimente burocrazia di modo da abbattere i costi e velocizzare lo sviluppo aziendale. Punti evidenziati dall’ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori che, come punto di riferimento per i giovani e l’innovazione, ha contributo alle attività parlamentari presentando un importante memoria in merito alla riforma della normativa riguardante le startup e l’impresa innovativa iniziato dalla commissione X alla Camera dei Deputati a commento della proposta di legge a prima firma del deputato Mattia Mor.

Si parla di

Innovazione e startup: la tecnologia principale alleato per il rilancio dell’economia

Today è in caricamento