Venerdì, 30 Luglio 2021
Leggere il mondo

Opinioni

Leggere il mondo

A cura di Chiara Cecchini

La parola 'petaloso' esiste? Sì, l'ha inventata il piccolo Matteo e la Crusca approva

Molte grandi invenzioni sono nate per caso o per sbaglio. In una terza elementare di Copparo, in provincia di Ferrara, c'è un "piccolo inventore" che potrebbe aver contribuito, con il suo errore, a fare entrare una parola nuova nel vocabolario italiano, ma c'è anche una maestra che ha saputo dare un'opportunità a quell'alunno così fantasioso, andando oltre l'errore blu e premiando l'immaginazione senza confini.

Come ha raccontato su Facebook la stessa insegnante, durante un lavoro sugli aggettivi, Matteo ha scritto che un fiore era 'petaloso'. "La parola, benché inesistente, mi è piaciuta", ha detto la maestra Margherita Aurora, che ha deciso di inviarla all'Accademia della Crusca per una valutazione.

maestra petaloso-2

Dall'istituto fiorentino è arrivata la risposta, "precisa ed esauriente", che per Margherita "vale come mille lezioni di italiano". 

"La parola che hai inventato è una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano così come sono usate parole formate nello stesso modo: tu hai messo insieme petalo + oso, petaloso, pieno di petali , con tanti petali. Allo stesso modo in italiano ci sono pelo+oso, peloso, pieno di peli, con tanti peli e ancora coraggio+oso, coraggioso, pieno di coraggio"

Ma l'Accademia della Crusca ha spiegato che una parola per poter essere riconosciuta deve essere usata da tante persone. 

"La tua parola è bella e chiara. Ma sai come fa una parola ad entrare nel vocabolario? Perché entri in un vocabolario, bisogna che la usino tante persone e tante persone la capiscano. Se riuscirai a diffondere la tua parola tra tante persone e tante persone in Italia cominceranno a dire 'Come è petaloso questo fiore', ecco allora petaloso sarà diventata una parola dell'italiano"

E quale modo migliore per far conoscere e usare una parola nuova dal maggior numero di persone possibile se non il web? La sfida di Matteo è passata alla Rete e su Facebook e Twitter, dove #petaloso è primo tra i trend topics, sono fioriti decine e decine di tweet sull'uso del nuovo termine. La Treccani invita addirittura i suoi fan a rivisitare poesie, canzoni o altro usando la parola petaloso, e anche il premier Matteo Renzi non ha voluto far mancare il suo cinguettio, dicendo grazie al piccolo Matteo per questa "storia bella". 

Gallery

Si parla di

La parola 'petaloso' esiste? Sì, l'ha inventata il piccolo Matteo e la Crusca approva

Today è in caricamento