Martedì, 19 Ottobre 2021
LibeRIscatti

Opinioni

LibeRIscatti

A cura di Action Aid

All’Aquila “iMPaRO” con ActionAid a monitorare la ricostruzione delle scuole

Sono trascorsi sette anni da quel 6 aprile che cambiò inevitabilmente le vite degli abitanti del cratere aquilano, colpito  duramente da un terremoto di cui ancora oggi, sono visibili le conseguenze. Dopo anni, L’Aquila non necessita solamente dell’edificazione materiale di case e strutture pubbliche  ma soprattutto di una ricostruzione “sociale”, in cui i cittadini siano i veri protagonisti.

Sin da quando si è piccoli, si può giocare un ruolo importante nella gestione del bene comune ed essere garanti di legalità. Per questo, ActionAid ha messo in mano proprio a dei bambini la possibilità di controllare la ricostruzione delle scuole danneggiate dal terremoto promuovendo il progetto “iMPaRO – Monitoraggio Partecipato Ricostruzione Scuole”. Lo scopo è quello di coinvolgere ragazze e ragazzi nel monitoraggio della ricostruzione delle scuole del territorio aquilano colpite dal terremoto del 2009, con l’obiettivo di renderli cittadini consapevoli e pronti ad attivarsi per il bene comune.

Protagonisti di questa iniziativa sono gli alunni delle classi medie dell’Istituto Comprensivo Gianni Rodari, dove ActionAid è presente con il programma “L’Italia del futuro”. Dopo una serie di incontri teorici di spiegazione del funzionamento degli appalti pubblici, gli alunni della Rodari, armati di macchine fotografiche e quaderni per appunti, sono entrati nel vivo della fase pratica del progetto, che  prevede la raccolta di dati e informazioni sulle scuole che saranno ricostruite. Tutti i materiali saranno progressivamente caricati su un blog che raccoglierà le schede degli Istituti oggetto del monitoraggio.

Il primo sopralluogo ai cantieri si è tenuto proprio il 6 aprile, data che non vuole più avere solo un valore commemorativo ma essere simbolo di ripartenza. Ad accogliere gli studenti alla vecchia scuola “Mariele Ventre” di Pettino,  la Dirigente della Ricostruzione Pubblica del Comune dell’Aquila Enrica De Paulis.  Quando inizieranno e termineranno i lavori? Come sarà la nuova scuole e quali saranno le differenze con la vecchia? Verranno utilizzate energie rinnovabili? Sono queste alcune delle domande poste dagli alunni, che hanno avuto la possibilità di stabilire un contatto diretto con chi quotidianamente si occupa di ricostruzione.

Dopo la visita al cantiere, ragazze e ragazzi della Rodari sono andati nel MUSP che ospita attualmente gli alunni della scuola di Pettino. Lì, hanno intervistato insegnanti e bambini chiedendo loro informazioni sul vecchio edificio ma anche su come immaginano e desiderano la scuola futura. Tutti gli studenti delle classi medie della Rodari avevano un ruolo ben preciso:  i fotografi e video maker, incaricati di scattare foto e raccogliere immagini video; i social media manager, che hanno aggiornato sul momento la pagina facebook del progetto; i “segugi” che hanno sottoposto domande e questionari agli intervistati; i blogger, scrittori incisivi in grado di raccontare questa esperienza; gli editor, incaricati di sistematizzare le informazioni e i dati raccolti.

Ragazze e ragazzi si sono poi recati sul cantiere della scuola primaria di Coppito e nel MUSP dove al momento sono ospitati gli alunni di quel plesso, replicando quanto fatto con i coetanei della “Mariele Ventre”.

Tutti i materiali che saranno raccolti da qui ai prossimi mesi all’interno del progetto “iMPaRO”, saranno presentati al Festival della Partecipazione, in programma dal 7 al 10 luglio all’Aquila. Il Festival intende offrire alla cittadinanza un’opportunità qualificata e riconosciuta per contribuire a definire le politiche pubbliche. L’idea dell’evento nasce da Italia Sveglia!, un patto stretto da tre organizzazioni civiche - ActionAid Italia, Cittadinanza Attiva e Slow Food - accomunate dalla volontà di contribuire, ognuna con le proprie specificità, al cambiamento del nostro Paese. 

Si parla di

All’Aquila “iMPaRO” con ActionAid a monitorare la ricostruzione delle scuole

Today è in caricamento