Mercoledì, 22 Settembre 2021
LibeRIscatti

Opinioni

LibeRIscatti

A cura di Action Aid

“Cibo per tutti”, dall’Italia all’Etiopia

Una cuoca speciale per una giornata all’insegna del divertimento e della consapevolezza del mangiare sano, giusto e sostenibile. Sono questi gli ingredienti dei laboratori culinari che hanno coinvolto gli alunni, i genitori e gli insegnanti della scuola Papa Giovanni XXIII di Novara. Guidati dalla fantasia e dall’inventiva della foodblogger Katamashi, i bambini hanno cucinato, insieme ad una rappresentazanza di alunni etiopi della Scuola Italiana Galileo Galilei di Addis Abeba, piatti tipici, in un viaggio culinario alla scoperta della tradizione e della cultura gastronomica italiana ed etiope.

L’iniziativa si inserisce all’interno della campagna d’informazione e raccolta fondi di ActionAid  “Cibo per tutti”, che consente  di donare, dal 27 settembre al 18 ottobre,2€ tramite sms solidale da cellulare Tim, Vodafone, Wind, 3, Postemobile, Coopvoce e Tiscali, da telefono fisso Vodafone e TWT o scegliere di donare 2 o 5 € chiamando da telefono fisso Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali. L’obiettivo di “Cibo per tutti” è quello di sensibilizzare il grande pubblico, le istituzioni e i media sull’esigenza di partecipare a un cambiamento possibile e di ripensare al cibo come un diritto di tutti e non come un semplice prodotto del mercato.

Durante lo scorso anno scolastico, ActionAid è stata partner di TOGETHERINEXPO, la piattaforma lanciata dal MIUR e dedicata alle scuole, per spingerle a lavorare sul tema del diritto al cibo, in occasione dell’Esposizione Universale milanese.  ActionAid ha dunque promosso, in diverse scuole d’Italia, il kit didattico  “Io mangio Tutto. No al cibo nella spazzatura”, nato per imparare, giocando, a sprecare meno alimenti e ad avere una maggiore consapevolezza del valore del cibo, scoprendo sin da piccoli i concetti di biologico, locale, stagionale, con un occhio sempre attento a ciò che accade nel Sud del mondo.

I “Magnifici 26”,dell’Istituto Papa Giovanni XXIII di Novara e i “TikurAnbessa” della Scuola italiana Galileo Galilei di Addis Abeba hanno giocato insieme a “Io mangio tutto”: le due classi, unite in un gemellaggio intercontinentale, hanno prodotto "Rice and Teff: love beyond the borders - Riso e Teff: amore oltre i confini”, una storia che racconta l’incontro tra due cereali, il riso italiano e il teff etiope, che culmina in un vero matrimonio. “Rice and Teff” ha vinto il concorso Expo-MIUR e gli alunni sono stati premiati all’interno dell’Esposizione universale.

La foodbloggerKatamashi ha deciso di essere al fianco di ActionAid per la campagna “Cibo per tutti”, partendo dai piccoli alunni di Novara che insieme ai compagni etiopi si sono divertiti a cucinare piatti tipici dei due Paesi di provenienza.  ActionAid  crede che sia proprio dai bambini, i cittadini di domani, che occorra partire per avviare un cambiamento delle modalità di consumo alimentare e riduzione degli sprechi, affinché il cibo non sia più considerato un prodotto di mercato ma, realmente, un diritto per tutti.

immagine 2-2-2

Gallery

Si parla di

“Cibo per tutti”, dall’Italia all’Etiopia

Today è in caricamento