rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Orizzonte verde

Opinioni

Orizzonte verde

A cura di Nicola Clemente

Nel 2030 il biometano potrebbe coprire i consumi annui di 1 milione di veicoli

L’autorità dell’energia elettrica consentirà al biometano di far rilanciare il comparto agricolo. Dal giugno 2011 si attendeva, infatti, lo sblocco normativo per l’utilizzo del biometano (ossia il biogas depurato) in rete da parte degli operatori. 

Ora, l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) ha eliminato uno degli importanti vincoli che ancora restava per l’apertura di questo mercato, pubblicando nei giorni scorsi la delibera n. 46/2015/R/gas, con le direttive per le connessioni di impianti a biometano alle reti del gas naturale e delle disposizioni in materia di determinazione delle quantità di biometano ammesse agli incentivi.

“L’Italia è il terzo Paese al mondo per produzione di biogas (1.300 impianti a biogas agricolo) – ha affermato Sofia Mannelli Presidente di Chimica Verde Bionet – dopo Cina e Germania; sono stati fatti 4,5 miliardi di euro investimenti, creando 12mila posti di lavoro. Con questa potenzialità l’Italia può produrre 1,8 miliardi Nmc (Normal metro cubo) di metano ogni anno, la proiezione è di circa 670 milioni di metri cubi di biometano entro il 2020. Nel 2030 il settore potrebbe coprire i consumi annui di circa un milione di veicoli. Il biometano è l’unico biocarburante realmente italiano prodotto da matrice italiana ed è una opportunità importante per il rilancio dell’agricoltura in quanto, provenendo dal biogas, sfrutta tutti quelle colture di integrazione e tutti quei sottoprodotti o rifiuti, pensiamo ai reflui zootecnici, suinicoli e avicoli che prima erano inutilizzati ed anzi costavano all’azienda in termini di smaltimento. Il biogas ha permesso a molte aziende di resistere alla crisi strutturale che ha colpito l’agricoltura, molte aziende agricole hanno investito molto in innovazione e sviluppo. Ci si augura che non cambino le regole in corsa, come spesso succede nel nostro Paese, in questo caso il biometano si farà realmente dando seguito agli studi della ricerca, dei produttori di tecnologia ed agli sforzi che gli imprenditori agricoli stanno portando avanti da anni”.

Di tale importante novità legata al biometano si discuterà a Cremona nell’ambito di BioEnergy Italy (25-27 febbraio 2015) durante il seminario “Biometano e chimica verde: il biogas dopo gli incentivi”.

Si parla di

Nel 2030 il biometano potrebbe coprire i consumi annui di 1 milione di veicoli

Today è in caricamento