Martedì, 20 Aprile 2021
Sesso e dintorni, il dottore risponde

Sesso e dintorni, il dottore risponde

A cura di Dottor Andrea Militello

Disfunzione erettile su base neurogena, forse un aiuto dagli ultrasuoni pulsati

Foto di repertorio

Il danno ai nervi periferici, come quello riscontrato dopo un intervento chirurgico o un trauma, è una sfida clinica continua.

Tutti noi andrologi ci confrontiamo spesso con la disfunzione erettile su base neurogena causata dagli esiti di interventi pelvici come ad esempio la prostatectomia radicale dove il nervo viene comunque parzialmente leso od offeso (fenomeno conosciuto come neuroaprassia ).

Negli ultimi anni, gli ultrasuoni pulsati a bassa intensità (LIPUS) sono ​​stati studiati come un potenziale metodo per stimolare la rigenerazione dei nervi periferici.

In questa revisione, gli autori hanno esaminato la fisiologia della rigenerazione dei nervi periferici e discusso gli esperimenti che utilizzano LIPUS per migliorare la rigenerazione dei nervi periferici del pene.

L'applicazione di LIPUS successivo ad  un intervento chirurgico ai nervi può favorire la rigenerazione dei nervi e migliorare i risultati funzionali attraverso una varietà di meccanismi proposti.

Questi includono un aumento dei fattori neurotrofici, l'attivazione delle cellule di Schwann (SC), le attivazioni di segnalazione cellulare e l'induzione della mitosi.

Su PubMedvi sono numerosi articoli relativi a questi argomenti in modelli di ricerca sugli animali sia in vitro che in vivo.

Molti studi suggeriscono che gli ultrasuoni pulsati a bassa intensità promuovono la rigenerazione dei nervi e migliorano i risultati funzionali.

Sulla base di questi risultati, LIPUS potrebbe essere un nuovo e prezioso trattamento per la disfunzione erettile indotta da lesioni ai nervi dei corpi cavernosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Disfunzione erettile su base neurogena, forse un aiuto dagli ultrasuoni pulsati

Today è in caricamento