Sesso e dintorni, il dottore risponde

Sesso e dintorni, il dottore risponde

Infertilità maschile: attenzione al fumo e alla sindrome metabolica

Foto di repertorio

L’infertilità maschile è sempre più frequente e il sovrappeso e l'obesità sono noti per avere un impatto sulla fertilità maschile e sono comunemente associati all'obesità addominale e ai disturbi metabolici.

L'associazione tra obesità addominale o sindrome metabolica e riproduzione maschile non è stata completamente studiata. Inoltre, molti fattori possono interferire con la valutazione dell'impatto della sindrome metabolica sulla fertilità maschile. Pertanto, il tabacco è noto per alterare i parametri spermatici e i fenomeni che collegano il fumo con la sindrome metabolica sono quindi complessi.

L'obiettivo principale dello studio di Charlotte Dupont della Sorbonne Université, Saint Antoine Research center, è stato quello di studiare la potenziale associazione della sindrome metabolica con l'infertilità maschile e l’abitudine al fumo.

La ricerca ha coinvolto uomini sterili (n = 96) e fertili (n = 100) di età inferiore ai 45 anni che sono stati reclutati nello studio caso-controllo ALIFERT. Sono stati misurati l'indice di massa corporea e la circonferenza della vita. Sono stati analizzati i trigliceridi sierici, il colesterolo (lipoproteine totali, ad alta densità e il colesterolo lipoproteico a bassa densità) e la glicemia a digiuno.

La sindrome metabolica è stata diagnosticata in presenza di almeno tre dei seguenti criteri: aumento della circonferenza della vita, trigliceridi elevati, glicemia a digiuno o pressione arteriosa e colesterolo lipoproteico ad alta densità.

Dallo studio è emerso che gli uomini infertili sono spesso in cattive condizioni di salute rispetto agli uomini fertili e sono più spesso fumatori. I risultati di questo studio hanno suggerito che la sindrome metabolica e il fumo sono fattori di rischio indipendenti per l'infertilità idiopatica. La sindrome metabolica e il fumo dovrebbero essere sistematicamente controllati all'inizio dell'assistenza medica nei maschi sterili e dovrebbe essere proposto un coaching personale e poliedrico per affrontare congiuntamente il fumo e i disordini metabolici.

Sesso e dintorni, il dottore risponde

Il Dottor Andrea Militello è specialista Andrologo e Urologo. Perfezionato in ecografia urologica e andrologica, esperto in urodinamica, docente presso l’Università Federiciana in scienze urologiche e revisore delle riviste internazionali Central European Journal of Urology e Hormone and Metabolic Research Journal. Vincitore nel 2014 del Doctoralia Awards e nel 2018 del premio MioDottore Awards quale andrologo urologo più apprezzato in Italia. È perfezionato in chirurgia ricostruttiva implantologica protesica in andrologia e in seminologia con particolare riguardo alla fisiopatologia della riproduzione umana. Svolge attività chirurgica ma dedica anche molto tempo e passione all’attività ambulatoriale avendo alle spalle oltre 60.000 visite eseguite presso le città di Roma, Viterbo, Avezzano, Cosenza e Milano. Attivo per passione sul Web. www.andrologiamilitello.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento