rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021

Penuma, la protesi americana che ingrossa il pene

Uno dei temi legati alla sessualità più cliccati sul web riguarda senza dubbio l'ingrossamento del pene. Le ultime novità sull'argomento arrivano dagli Stati Uniti. Un interessante pubblicazione del Journal of sexual medicine ha valutato l’esperienza di un gruppo limitato di chirurghi che ha utilizzato un impianto penieno in silicone (protesi Penuma) per correggere esteticamente il pene allo stato flaccido.

Tra il 2009 e il 2014, 526 pazienti sono stati sottoposti a chirurgia estetica del pene utilizzando un impianto in silicone. È stata ottenuta l'approvazione dell'istituto di revisione istituzionale per un'analisi retrospettiva e il consenso dello studio è stato ottenuto da 400 pazienti. 

La circonferenza del pene è stata misurata prima dell'intervento, immediatamente dopo l'intervento e 30-90 giorni dopo l'intervento.

Utilizzando il questionario, non convalidato, per la soddisfazione del paziente (APPSSI), i cambiamenti nei valori di fiducia in se stessi, autostima e soddisfazione sono stati analizzati  6-8 settimane dopo l'intervento. I punteggi sono stati nuovamente calcolati 2 anni dopo l'intervento nel 77% dei pazienti.

I questionari hanno valutato la fiducia in se stessi, l'autostima e la soddisfazione del paziente. I risultati includevano cambiamenti nelle misurazioni del pene, cambiamenti nei punteggi di soddisfazione,e incidenze di eventi avversi.

Nei 400 pazienti, l'impianto di silicone Penuma ha aumentato la circonferenza del tronco da una media di 8,5 ± 1,2 cm a 13,4 ± 1,9 cm (aumento del 56,7%; P <.001). 

Un miglioramento nell'autostima è stato osservato nell'83% dei pazienti 6-8 settimane dopo l'intervento. 

Al follow-up a lungo termine (2-6 anni; media 4 anni), il 72% dei pazienti è rimasto soddisfatto (miglioramento di 2 categorie nel punteggio APPSSI) e l'81% dei soggetti ha riportato livelli di soddisfazione "alti" o "molto alti" .

Le complicanze post operatorie più frequentemente riportate sono state sieroma (4,8%), formazione di cicatrici (4,5%) e infezione (3,3%).

Nessun paziente ha riportato cambiamenti nella funzione sessuale, erezioni o eiaculazione. Il 3% ha riscontrato eventi avversi che hanno richiesto la rimozione del dispositivo.

L'impianto in silicone Penuma può aiutare i pazienti a correggere esteticamente il pene con una maggiore circonferenza limitatamente allo stato flaccido e ad ottenere una maggiore fiducia in se stessi a breve e lungo termine.

I punti di forza di questa pubblicazione americana è l’inclusione di un gran numero di soggetti (400 uomini) e il periodo di follow-up a lungo termine (2-6 anni).

Le limitazioni includono la natura retrospettiva e l’esperienza del singolo chirurgo (inventore) dello studio; la presenza di 126 soggetti non consenzienti, con potenziale impatto sul tasso di complicanze; e la mancanza di convalida dell'APPSSI.

L'analisi retrospettiva dei 400 uomini che hanno scelto di avere una correzione estetica del pene con il dispositivo Penuma mostra miglioramenti nella circonferenza (aumento del 56,7%) e soddisfazione del paziente elevata e sicura, con eventi avversi minimi e gestibili. 

In una review della letteratura troviamo però descritti casi di sopraggiunta InduratioPenis Plastica post intervento. In italia tale dispositivo non è autorizzato, ma ormai da tempo si usano varie tecniche per l’ingrossamento del pene. Ricordiamo tra le tante le infiltrazioni con acido ialuronico cross-linkato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Penuma, la protesi americana che ingrossa il pene

Today è in caricamento