Giovedì, 13 Maggio 2021
Sesso e dintorni, il dottore risponde

Sesso e dintorni, il dottore risponde

A cura di Dottor Andrea Militello

L’obesità è una delle cause dell'infertilità maschile

Numerosi studi hanno dimostrato che l'obesità può avere un impatto negativo sulla qualità del liquido seminale e di conseguenza sulla fertilità della coppia. Di recente è stata prestata particolare attenzione a una condizione clinica nota come obesità metabolicamente sana (MHO). Un recente studio è stato portato a termine per valutare gli effetti dell'obesità metabolicamente sana sul seme e sui parametri ormonali degli uomini che presentano ridotto indice di fertilità. I dati di una coorte omogenea di 512 uomini sono stati analizzati. L'analisi del seme si basava sui criteri di riferimento 2010 dell'Oms.

I pazienti sono stati separati in base ai parametri di ridotta fertilità, riferimenti ormonali e obesità. Le principali misure di riferimento erano la prevalenza di MHO e l'impatto dell'MHO sul liquido seminale. L'obesità metabolicamente sana è 3 volte più diffusa dell'obesità collegata a patologie metaboliche negli uomini affetti da infertilità primaria.

Nonostante i parametri del seme siano comparabili tra i gruppi, i pazienti con MHO mostrano peggiori parametri endocrini e un rischio maggiore di ipogonadismo primario e secondario rispetto agli uomini infertili normali metabolicamente sani.

Cosa dobbiamo dedurre da questo lavoro scientifico? Che al di là delle problematiche cardiovascolari e metaboliche, anche l’obesità non accompagnata da disturbi, obesità sana, è una condizione spesso causa di ridotta fertilità maschile. Forse un miglioramento della condizione fisica potrebbe evitare gli ormai sempre più frequentati percorsi di procreazione medicalmente assistita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

L’obesità è una delle cause dell'infertilità maschile

Today è in caricamento