Mercoledì, 14 Aprile 2021
Sesso e dintorni, il dottore risponde

Sesso e dintorni, il dottore risponde

A cura di Dottor Andrea Militello

Relazione tra malattia mentale e cancro alla prostata

Sembra esserci una sinergia tra malattia mentale e cancro alla prostata: i ricercatori stanno lavorando per analizzare la relazione riunendo dati sulla popolazione anziana. Il cancro alla prostata è il tumore più comune diagnosticato in America in circa 9 milioni di anziani, che oggi sono circa il 90% dei maschi. Klaassen, direttore della ricerca urologica clinica presso la MCG e il Georgia Cancer Center pensa che ci possa essere una correlazione tra la salute mentale e l'aggressività del cancro alla prostata e che i pazienti che non ricevono cure per la salute mentale potrebbero non ricevere lo stesso trattamento per le cure del tumore.

Un'ipotesi di lavoro è che se hai una malattia mentale come la depressione, nota per essere ancora più comune nei pazienti con tumore, potresti prestare meno attenzione al tuo corpo e alla salute generale e potresti avere meno propensione a sottoporti allo screening per il cancro alla prostata. Probabilmente ci sono anche rischi biologici come l'infiammazione, che è aumentata sia nel cancro che nella depressione, che potrebbe rendere il cancro più aggressivo. Il primo utilizzo  dei dati è stato quello di determinare se una malattia mentale diagnosticata prima della diagnosi del cancro alla prostata influisce sul trattamento ricevuto, sull'adesione del paziente al trattamento e sul follow-up previsto per il cancro alla prostata e sugli esiti del tumore.

"E’ probabile che una parte dei pazienti sia clinicamente depressa anche prima della diagnosi di cancro alla prostata", afferma Klaassen, Ronald W. Lewis, MD Endowed Chair for Urologic Education. Anche con la malattia avanzata, molti uomini possono vivere per diversi anni mentre altri possono morire per altre cause piuttosto che per il cancro alla prostata. "Il cancro alla prostata potrebbe non ucciderti, ma la vita con esso può essere molto difficile", afferma Klaassen. I pazienti che ricevono cure per il carcinoma prostatico possono sviluppare effetti collaterali come disfunzione erettile e incontinenza urinaria, è noto per causare come anche  depressione, demenza, perdita ossea e muscolare.

Nel 2017 nella rivista Urologic Oncology, Klaassen e i suoi colleghi hanno riferito che gli uomini con cancro alla prostata più a rischio di suicidio erano maschi bianchi non sposati con malattia metastatica e che circa il 60% degli uomini con cancro alla prostata ha anche problemi di salute mentale - 10- 40% con depressione clinicamente significativa. Il rischio di depressione aumenta con la terapia ormonale, un trattamento comune nella fase avanzata di questo tumore stimolato dall'ormone maschile. Gli investigatori hanno quindi raccomandato lo screening per disfunzione erettile, depressione e pensieri suicidi nei pazienti con carcinoma prostatico come parte standard del trattamento.

Klaassen e i suoi colleghi hanno riferito all'inizio di quest'anno sulla rivista Cancer, dopo aver esaminato 676.470 canadesi con cancro e 2,2 milioni senza, che una diagnosi di cancro è associata ad un aumentato rischio di morte per suicidio anche se i pazienti con cancro hanno avuto cure psichiatriche prima della loro diagnosi del cancro. Altri autori hanno contribuito a dimostrare che circa il 70% dei suicidi nelle persone di età superiore ai 60 anni è associato a una malattia medica e che i tassi sono ancora più alti in quelli con cancro.

Sempre all'inizio di quest'anno, Klaassen e i suoi colleghi hanno riferito sul British Journal of Cancer in quello stesso grande gruppo di pazienti con tumori, compresi tumori maligni comuni come tumori alla prostata, al seno, ai polmoni e alla vescica, che quelli con problemi psichiatrici prima della diagnosi del cancro avevano entrambi peggiore mortalità specifica per tumore e tutte le cause di mortalità.

L'anno scorso, in Urologia europea, Klaassen e altri hanno riportato un aumento nell'uso di antidepressivi a seguito di un intervento chirurgico o radioterapia per il carcinoma prostatico non metastatico ma non in quelli che sono stati semplicemente tenuti sotto stretto controllo, un'opzione quando il tumore è di basso grado e lenta crescita. La loro scoperta ha sottolineato la necessità di fornire anche supporto psicologico ai pazienti.

Il cancro alla prostata si verifica in 1 uomo su 9 nel corso della loro vita, è il tumore più comune negli uomini negli Stati Uniti, oltre al cancro della pelle, e la seconda causa di morte per cancro negli uomini, dietro il cancro ai polmoni, secondo l'americano Cancro Società. I fattori di rischio includono l'invecchiamento, l'obesità, il fumo nonché l'infiammazione della prostata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Relazione tra malattia mentale e cancro alla prostata

Today è in caricamento