Domenica, 18 Aprile 2021
Sesso e dintorni, il dottore risponde

Sesso e dintorni, il dottore risponde

A cura di Dottor Andrea Militello

Quando il maschio ha il seno: la ginecomastia

Per ginecomastia intendiamo l'anormale presenza e sviluppo della mammella nell’uomo. La ghiandola mammaria è presente sia nell’uomo che nella donna, ma negli uomini non si sviluppa durante l’età puberale perché non viene stimolata a livello ormonale dagli ormoni estrogeni, ormoni tipici della donna.

Uomo col seno, le due forme di ginecomastia

Riconosciamo essenzialmente due forme di ginecomastia, una vera e una falsa. Quest’ultima è caratterizzata essenzialmente da accumulo e deposito di tessuto adiposo, e quindi grasso, nella zona mammaria. Nella forma vera è presente effettivamente una ipertrofia della ghiandola mammaria. Tra le cause principali per la formazione della ginecomastia c'è l’obesità e quindi un eccessivo accumulo di tessuto adiposo a livello mammario, oppure la presenza di malattie genetiche come ad esempio la sindrome di Klinefelter o altre forme di sindromi congenite o acquisite che sono caratterizzate dalla riduzione dei valori del  testosterone, o anche l’assunzione di farmaci o sostanze anabolizzanti che vengono spesso utilizzate nel body-building e nel culturismo, oppure la presenza di malattie metaboliche croniche come diabete o cirrosi epatica.

Durante l’età adolescenziale può effettivamente verificarsi un aumento della ghiandola mammaria, che riconosciamo con il termine di ginecomastia puberale, legato in quel momento alle mutazioni ormonali che sono abbastanza tipiche nello sviluppo puberale e che tendono a regredire in breve tempo.

Le diagnostica per la ginecomastia prevede chiaramente un’approfondita valutazione da un punto di vista anamnestico e un accurato esame obiettivo. Al fine di escludere le forme secondarie sono chiaramente necessari approfondimenti di laboratorio e ormonali. L’esame diagnostico di immagine principale è l’esame ecografico. Per quanto riguarda il trattamento della ginecomastia, in alcuni casi bisogna ricorrere all’intervento chirurgico in cui si va ad asportare il tessuto mammario adiposo in eccesso, spesso al fine di evitare trasformazioni neoplastiche o anche ripercussioni estetiche o psicologiche nel giovane.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Quando il maschio ha il seno: la ginecomastia

Today è in caricamento