Venerdì, 30 Luglio 2021
Spazio, l'Universo a casa tua

Opinioni

Spazio, l'Universo a casa tua

A cura di Chi ha paura del buio?

Osservato per la prima volta un disco attorno a un pianeta in formazione

A 400 anni luce da noi, nella costellazione del Centauro, si trova una giovane stella chiamata PDS 70. Così giovane da avere ancora attorno a sé un disco protoplanetario, in cui si stanno formando almeno due pianeti, PDS 70b e PDS 70c, scoperti rispettivamente nel 2018 e nel 2019 dal telescopio VLT. Oggi, però, grazie alla potenza del radio-osservatorio cileno ALMA, abbiamo trovato qualcosa di sensazionale.

L'anello che potete vedere nel pannello a sinistra è il disco protoplanetario attorno a PDS 70; la stella brilla al centro. La parte interna del disco è assente perché è stata “ripulita” dai due pianeti man mano che crescevano. Nell'immagine si vede solo PSD 70c, che è quel puntino luminoso vicino alla parte destra dell'anello. È un pianeta gigante di 4,4 masse gioviane in orbita a 30 unità astronomiche dalla sua stella madre.

Ma è nello zoom a destra che si vede la parte davvero sensazionale di questa immagine. Quella “nube” di luce diffusa attorno al pianeta altro non è che il suo disco circumplanetario, materiale che andrà almeno in parte a formare un sistema di satelliti in orbita attorno al pianeta. È la prima volta che si osserva in modo distinto una struttura di questo tipo: PDS 70c è – insieme al fratellino PDS 70b, un altro gigante di 1,1 masse gioviane – l'unico pianeta osservato finora nel bel mezzo della sua formazione. Il disco circumplanetario di PDS 70c ha un diametro di circa 1 unità astronomica (150 milioni di km) e contiene abbastanza materiale per formare tre satelliti massicci come la nostra Luna.

Questa scoperta è di grande importanza per gli astronomi perché fornisce per la prima volta dati osservativi su un disco circumplanetario, aiutando così a comprendere il meccanismo di formazione non solo dei satelliti ma anche dei pianeti. Questi processi sono infatti strettamente intrecciati ed estremamenti difficili da studiare. Durante la formazione di un pianeta, infatti, parte del materiale contenuto nel disco circumplanetario va ad accrescere la massa del pianeta stesso, e parte va a formare satelliti. I dettagli del funzionamento di questo meccanismo sono ancora in gran parte sconosciuti, anche per via della mancanza di dati osservativi. Ecco perché immagini come questa sono così importanti!

Si parla di

Osservato per la prima volta un disco attorno a un pianeta in formazione

Today è in caricamento