Domenica, 26 Settembre 2021
Spazio, l'Universo a casa tua

Opinioni

Spazio, l'Universo a casa tua

A cura di Chi ha paura del buio?

Ecco il primo campione marziano raccolto da Perseverance

Ce l'ha fatta, Perseverance ce l'ha fatta. Dopo aver raccolto il campione di una roccia posta su una cresta che domina il fondo del Cratere Jezero, il rover NASA ha finalmente completato tutte le delicate operazioni di stoccaggio del campione. Il pezzo di roccia ora è al sicuro, ermeticamente sigillato all'interno di un tubo di titanio che è stato poi posizionato all'interno del rover, pronto per essere rilasciato al momento opportuno e poi recuperato. Perseverance è dotato infattti di 43 tubi ermetici per conservare campioni marziani da prelevare e riportare a terra tramite due future missioni dell'ambizioso programma Mars Sample Return.

Quello che vedete qui è il primo di questi campioni, messo a fuoco dalla Caching System Camera mentre si trova all'interno del tubo di stoccaggio numero 266 subito prima che quest'ultimo venisse sigillato e trasportato nell'area di stoccaggio dentro la pancia del rover. Se le prossime missioni del programma Mars Sample Return avranno successo (parliamo del prossimo decennio), questo sarà il primissimo campione raccolto da un altro pianeta e trasportato artificialmente qui sul pianeta Terra.

Sin dai tempi delle missioni Apollo, che hanno portato a terra centinaia di kg di rocce e regolite lunari, gli astronomi hanno capito quanto sia importante il sample return. Dai campioni raccolti in quelle missioni abbiamo infatti imparato moltissime cose sul nostro satellite che altrimenti non avremmo avuto modo di scoprire. Allo stesso modo, il sample return marziano promette un vero e proprio salto di qualità nella nostra conoscenza del pianeta rosso. È proprio a questo scopo che è stato sviluppato il Sampling and Caching System di Perseverance, che con le sue oltre 3000 parti è considerato il sistema meccanico più complesso che l'umanità abbia mai inviato nello spazio. 

Dopo un primo tentativo di raccolta campioni fallito all'inizio dello scorso mese per una scelta non ottimale della roccia da campionare, finalmente il Sampling and Caching System del rover NASA ha dato prova di saper funzionare alla perfezione. È stato un momento molto delicato della missione, ma tutto è andato bene e ora Perseverance può tornare alla sua campagna scientifica sul Cratere Jezero, che durerà qualche centinaio di sol e che vedrà fino a otto campioni raccolti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Ecco il primo campione marziano raccolto da Perseverance

Today è in caricamento