rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Trentenni

Opinioni

Trentenni

A cura di Maria Carola Catalano

Ponte tra passato e futuro per salvare gli antichi mestieri

Nel mondo globale in cui siamo nati, tante antiche tradizioni si stanno perdendo. Per fortuna c'è qualcuno tra i miei coetanei che ha deciso di fare da ponte tra il passato e il futuro imparando alcune vecchie usanze al fine di tramandarle. Il Corriere, oggi, racconta la storia proprio di uno di questi trentenni. Si chiama Mario Cicero, è palermitano e ritiene che gli antichi mestieri non vadano persi anche perchè possono essere una fonte di guadagno anche negli anni 2000.

Mario parla con voce in capito, è infatti il referente del presidio Slow food dei raccoglitori di manna ed ha fatto della linfa che fuori esce dalla corteccia dei frassini, opportunamente incisa, un business.

Questo prodotto siciliano ha tantissimi utilizzi: viene usato come dolcificante naturale ma ha anche funzioni terapeutiche. E' infatti un regolatore intestinale, purifica l'apparato digerente da tossine e appesantimenti dovuti a cattiva alimentazione; nonché un cosmetico naturale. Ha inoltre una benefica azione sull'apparato respiratorio: si comporta da fluidificante, emolliente e sedativo della tosse e può essere usato come collirio nelle congestioni oculari.

Dalla manna nascono sciroppi, liquori, dolci, creme e molto altro ancora. Sarebbe stato un gran peccato sprecare tutta questa ricchezza della terra e chiudere nel dimenticatoio quest'arte dei nostri nonni. Quindi grazie Cicero.

Si parla di

Ponte tra passato e futuro per salvare gli antichi mestieri

Today è in caricamento