Sabato, 17 Aprile 2021
AAA... acquisti

AAA... acquisti

A cura di Massimiliano Dona

Nonostante il divieto assoluto di pubblicità dell'azzardo (e del tabacco), qualcuno ci prova.

È tornata la pubblicità dell'azzardo

Sono proprio i momenti di difficoltà come quelli che stiamo vivendo ad incentivare, storicamente, i cosiddetti “consumi controversi”, come alcol, tabacco, azzardo. E’ anche per questo che con l’Unione Nazionale Consumatori, dopo le numerose segnalazioni depositate alle Autorità competenti sui prodotti del cosiddetto “fumo alternativo” (device che riscaldano il tabacco e quindi si presentano come “a rischio ridotto”), abbiamo adesso avviato una campagna di contrasto alla comunicazione commerciale trasmessa sulle emittenti Sky Italia e Dazn in particolare durante le partite del campionato italiano di calcio di serie A.

Del resto abbiamo ricevuto la segnalazione di messaggi promozionali diffusi dagli operatori williamhillnews.it e starcasino.info. Anche se, in verità, digitando questi indirizzi, si approda su siti contenenti notizie sportive, risultati e classifiche di vari campionati, tuttavia è facile osservare che gli spot in questione sembrano praticamente identici a quelli diffusi in passato per promuovere servizi di giochi d’azzardo e, presumibilmente, questa scelta non sembra casuale: a nostro avviso, gli operatori che gestiscono i siti sopra citati, ripresentando nuovamente la stessa ambientazione degli spot, intendono richiamare l’attenzione degli utenti proprio sui servizi di gambling offerti dagli operatori.

Ecco perché, secondo il nostro parere, questi messaggi promozionali potrebbero configurarsi come illeciti, in quanto sembrerebbero violare il divieto di pubblicità di gioco d’azzardo (in particolare, il riferimento è all’art. 9 del Decreto Legge 12 Luglio 2018, n. 87, recante “Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese”, convertito con modificazioni dalla Legge 9 Agosto 2018, n. 96), secondo cui è vietata “qualsiasi forma di pubblicità (anche indiretta) su giochi e scommesse con vincite in denaro nonché al gioco d'azzardo, comunque effettuata e su qualunque mezzo”.

I messaggi pubblicitari sopra descritti, veicolati su celebri “canali” televisivi e rivolti ad un ampio bacino d’utenza, sembrano idonei a richiamare alla mente i servizi di giochi d’azzardo offerti agli utenti sulle piattaforma online di gambling!

Ora sarà l’Autorità Antitrust a vagliare questa nostra segnalazione ed il nostro auspicio è che si possa celermente  dichiarare illecita la descritta pratica commerciale e vietarne l’ulteriore diffusione. Voi, come la pensate?

GUARDA IL VIDEO DI MASSIMILIANO DONA "È TORNATA LA PUBBLICITÀ DELL'AZZARDO"

Si parla di

Nonostante il divieto assoluto di pubblicità dell'azzardo (e del tabacco), qualcuno ci prova.

Today è in caricamento