rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Ve lo do io il Fashion!

Opinioni

Ve lo do io il Fashion!

A cura di Valentina Rainone

Chi è stato davvero Virgil Abloh

Un post compare improvvisamente sulla pagina Instagram di Louis Vuitton per dare un annuncio: Virgil Abloh è mancato a soli 41 anni, il designer dell’uomo LV e fondatore di Off- White si è spento domenica 28 novembre per un «cancro, che lui aveva combattuto privatamente per diversi anni», come si legge nelle poche righe apparse su Ig. Lo stilista, classe 1980 nato a Rockford, Illinois, sarebbe dovuto arrivare a Miami per la sfilata al Miami marine stadium. Da marzo 2018 Abloh era direttore artistico del menswear di Louis Vuitton. Più recentemente, nel luglio 2021 Lvmh aveva acquisito una quota di maggioranza di Off-White Llc, proprietaria del marchio Off-White, di cui lo stilista era fondatore e direttore artistico dal 2013.

Dirigenti del mondo della moda, direttori artistici delle maison del gruppo LVMH, ma anche di tutti gli altri player del lusso, modelle, artisti, creativi e sportivi... gli omaggi per onorare la memoria dello stilista e direttore artistico delle collezioni uomo della maison Louis Vuitton Virgil Abloh, si sono moltiplicati, dopo l'annuncio della sua scomparsa: Maria Grazia Chiuri di Dior, Francesco Ragazzi di Palm Angels, Alessandro Michele di Gucci ,Marc Jacobs e Raf Simons. 

Abloh era uno stilista dal background atipico (non aveva mai frequentato scuole di moda), ma soprattutto godeva di un grande successo tra i giovani. Figlio di immigrati ghanesi e nato in Illinois, Abloh aveva ottenuto una delle posizioni più invidiate nella moda, nell'etichetta di punta di LVMH, ed era anche uno dei pochi neri a dirigere una grande maison. Re dello streetwear di lusso era un fan dei social network: aveva 6,5 ​​milioni di iscritti su Instagram e 10,6 milioni per la sua etichetta Off-White, fondata nel 2013, uno stile che rispecchiava la cultura "street", con le sue sneakers e felpe, ma anche un logo facilmente riconoscibile, fatto di righe oblique bianche e nere, e collaborazioni di successo, con Nike, Jimmy Choo, Moncler... e persino un progetto in corso con Ikea.

Fan dell’hip-hop, Virgil Abloh aveva cominciato facendo il DJ al liceo. All’inizio degli anni 2000 era diventato consulente artistico di Kanye West, consigliando il rapper in particolare sulle copertine dei suoi dischi e le scenografie dei suoi concerti. I due avevano anche frequentato uno stage insieme da Fendi nel 2009 per immergersi nel mondo della moda. “Li pagavo 500 dollari al mese”, ricordava nel 2018 Michael Burke, all'epoca CEO di Fendi. L'ultima collezione primavera-estate 2022 del genio creativo del gruppo Lvmh è andata in scena a Miami 48 ore dopo la sua morte. "Voglio che gli adulti tornino di nuovo bambini. La vita è così breve che non puoi sprecare neppure un giorno facendo quel che qualcuno pensa che puoi fare rispetto a sapere quello che tu puoi fare", è stato il messaggio ripetuto all'inizio e alla fine della sfilata, le sue ultime bellissime parole.

Si parla di

Chi è stato davvero Virgil Abloh

Today è in caricamento