Lunedì, 2 Agosto 2021
Ve lo do io il Fashion!

Opinioni

Ve lo do io il Fashion!

A cura di Valentina Rainone

Con i nostri bambini possiamo aiutare il pianeta

Di fronte alle grandi problematiche ambientali ci sentiamo tutti un po’ impotenti, ci viene naturale pensare che la colpa sia degli altri e che debbano intervenire i politici, le istituzioni, le imprese. La verità è che con il nostro stile di vita e i nostri consumi siamo tutti corresponsabili, 8 miliardi di persone che generano rifiuti ed emettono gas inquinanti. Ma se tutti modificassimo un po’ il nostro stile di vita, se diventassimo più attenti all’ambiente, potremmo fare tantissimo! Nella moda, ci possiamo affidare a tanti marchi che utilizzano materie prime sostenibili. E lo stesso possiamo fare per i nostri bambini.

Che cos'è la certificazione GOTS

La stragrande maggioranza dei marchi di abbigliamento sostenibile per bambini punta tutto sul cotone, tessuto fresco e comodo per eccellenza, declinabile in mille versioni, colori e stampe. Il cotone che utilizzano è organico, quindi prodotto senza l’utilizzo di agenti chimici e fertilizzanti sintetici. La certificazione più famosa è quella GOTS (Global Organic Textile Standard) che garantisce: 1) Prodotti che contengano almeno il 70% di fibre naturali da agricoltura biologica, quali (ma non esclusivamente): fibre, filati, tessuti, abbigliamento, accessori tessili, giocattoli tessili, biancheria per la casa, materassi e biancheria da letto, e prodotti per la cura della persona (salviette struccanti, assorbenti ecc.). 2) Attività manifatturiere, quali la tintura o la stampa, svolte per conto di terzi, che siano fornite da parte di operatori che abbiano adottato a loro volta modelli e procedure gestionali conformi ai requisiti richiesti .

I brand certificati GOTS

Sono certificati GOTS i brand Mate The Label, Bobo Choses, Bonmot e l’italiano Ludò, per esempio. Per i più piccoli c’è Bamboom, abbigliamento zero-24 mesi, realizzato in bambu, made in Italy e completamente etico e sostenibile. Poi c’è le Tintine, marchio di maglieria delizioso che impiega solo filati certificati, tinti con colori naturali e realizzati in Italia. Poi c’è Wooly Organic, marchio lettone, e Kid Wild, entrambi producono 100% organico e biologico. Organic zoo, con capi certificati Fair Trade e Oexotex. People wear organic, marchio tedesco, con prodotti certificati GOTS, hanno anche homewear e pigiameria da donna. Chic Mercredi, marchio francese, utilizza tessuti certificati GOTS e veste fino a 8 anni. Cora Happy Wear ha prodotti certificati e ecosostenibili, ma anche progetti di aiuto per bambini meno fortunati che finanziano con una percentuale delle vendite e producono anche abbigliamento da donna.

Recentemente Myar, brand di abbigliamento uomo e donna fondato da Andrea Rosso nel 2015, ha annunciato il lancio con la PE 2022 della collezione Kids 4-12 anni, la cui produzione e distribuzione sarà affidata a Brave Kid, l’azienda del gruppo OTB che gestisce un portfolio di marchi in licenza tra cui Diesel, Dsquared2, Marni, N°21 e la nuova linea bambino MM6 Maison Margiela. È un prodotto realizzato in Italia secondo i principi dell’upcycling, con tessuti che provengono da fondi di magazzino, stock o tessuti non utilizzati delle aziende del gruppo OTB. La prima collezione Myar Kids si compone di una trentina di modelli unisex, dal posizionamento prezzo medio alto; i numeri sono contenuti perché si tratta di capi unici e in edizione limitata, visto che l’utilizzo di tessuti da stock influenza il numero di capi che possono essere prodotti.

“Ogni pezzo è arricchito da un QR code che, scansionato, dà una serie di informazioni relative al prodotto e alle pratiche sostenibili implementate per realizzarlo”, precisa Rosso. Con la prima collezione primavera/estate 2022, Myar Kids evidenzia il proprio impegno verso la sostenibilità introducendo una sorta di manifesto grafico che, attraverso i capi per i più piccoli, mira ad educare i genitori ad essere più rispettosi nei confronti dell’ambiente, ribaltando così il tradizionale rapporto tra adulti e bambini. La linea propone t-shirt e felpe stampate con immagini di creature marine in pericolo, razze, tartarughe, balene, minacciate dalla plastica e dalle reti da pesca che inquinano il loro ambiente naturale. E allora ricordiamoci, acquisti responsabili anche per i nostri bambini!

Si parla di

Con i nostri bambini possiamo aiutare il pianeta

Today è in caricamento