Sabato, 24 Luglio 2021
Casa

Bollette, lasciare il mercato libero può costare fino a 50 euro

Chi vuole tornare indietro al mercato tutelato deve affrontare lunghi tempi di attesa e costi extra che possono avvicinarsi anche ai 50 euro

Possono esserci brutte sorprese per coloro che, delusi dal mercato libero per le bollette di luce e gas, decidono di tornare indietro. Lasciare le offerte delle compagnie, anche se è stata prorogata la tutela del Garante, non è sempre facile, e a volte si rischiano di pagare cifre vicine ai 50 euro.  Il passaggio obbligato al mercato libero dei contratti per l’energia elettrica scatta nel 2019 e non più nel 2018. Per ora le tariffe sul mercato tutelato sono stabilite dall’Authority ogni tre mesi. Il mercato tutelato ha garantito bollette calmierate del 20-30% ma con il nuovo passaggio - obbligatorio - tutti noi dovremo scegliere un operatore a tariffa libera per la nostra bolletta di luce e gas.

Chi l'ha già fatto ma ora vuole tornare indietro al mercato tutelato deve affrontare lunghi tempi di attesa e costi extra di circa 50 euro in qualche caso: bollo di 16 euro, più altri 35 euro di deposito cauzionale. In pratica la prima bolletta arriverà con un sovraccarico di 50 euro. "Ai consumatori devono essere garantite informazioni più accurate – dice alla Stampa l’avvocato Franco Conte, responsabile energia per Confconsumatori -. Molte volte anche i bonus e gli sconti applicati in bolletta non vengono spiegati a fondo e si trascura di dire che queste riduzioni riguardano soltanto una parte della tariffa, vale a dire quella che riguarda la spesa per l’energia. Le famiglie si aspettano ribassi sull’intera bolletta e invece si ritrovano con riduzioni minime".

Per avere tutte le informazioni utili sul tema c'è il sito «Trova Offerte» dell’Autorità per l’energia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollette, lasciare il mercato libero può costare fino a 50 euro

Today è in caricamento