Martedì, 27 Luglio 2021
Casa

Radon, il killer silenzioso nelle nostre case: come difendersi?

La concentrazione alta di radon rappresenta uno dei maggiori fattori di rischio per lo sviluppo del cancro al polmone

Con una concentrazione media pari a 70 Bq/m3, il livello di radon rilevato dall’Ispra nel nostro Paese è nettamente superiore alla media mondiale, pari a 40 Bq/m3 ed a quella europea di 59 Bq/m3. Si tratta di un fattore preoccupante, vista la pericolosità del gas, considerato come cancerogeno del gruppo uno e secondo responsabile al mondo per cancro al polmone, dopo il fumo.

Prodotto dal decadimento di uranio e radio, il radon è presente nelle rocce in concentrazioni variabili come anche nel suolo e nel tufo, antico materiale di costruzione utilizzato soprattutto nelle aree vulcaniche. Sono tanti i fattori che determinano la concentrazione dei radon in una determinata area, pertanto la presenza risulta variabile da zona a zona.

Il gas si infila tra intercapedini e fessure delle case e giunge negli ambienti interni dove si accumula in presenza di un’insufficiente areazione. In generale la concentrazione di radon in un’abitazione dipende anche da diversi fattori come la presenza di uranio e radio nel sottosuolo, dei materiali utilizzati per la costruzione e della tipologia di terreno su cui è stata costruita la casa: i suoli granitici o di natura vulcanica sono i più a rischio. Essendo un gas del tutto insapore ed inodore è praticamente impossibile individuarne la concentrazione. Per contrastarne la presenza  è utile aprire spesso porte e finestre magari impermeabilizzando il pavimento dal suolo ed isolando gli infissi comunicanti con le cantine.

Tutte le news dal mondo scientifico su ScienzeNotizie

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Radon, il killer silenzioso nelle nostre case: come difendersi?

Today è in caricamento