rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Utenze

Impianto elettrico: come capire quando è arrivato il momento di rifarlo

Avere un impianto elettrico sicuro è importantissimo, ci sono dei segnali che ci fanno capire quando è arrivato il momento di rifarlo

La casa è da sempre considerata un rifugio, ma anche se ci sentiamo al sicuro al suo interno, può succedere di incorrere in incidenti domestici. Alcuni sono dovuti a distrazione o casualità, altri al mal funzionamento di alcuni impianti dell’appartamento come quello elettrico!

Che si tratti di prese o dell’impianto, per vivere serenamente in casa c’è bisogno di controlli periodici e di una manutenzione costante così da capire se ci sono delle parti da sostituire. Questo non solo ci mette in sicurezza, ma ci evita di dover rifare l’impianto ex novo spendendo una somma consistente.

Quando rifare un impianto elettrico?

Rifare un impianto elettrico è un lavoro invasivo e costoso, ma prima di arrivare a un simile intervento dobbiamo stare attenti ad alcuni aspetti o avvisaglie che ci fanno intuire che qualcosa nel nostro impianto non va. Sentire un odore di plastica bruciata, vedere scintille che escono dalla presa della corrente quando inseriamo un apparecchio o semplicemente il contatore che salta in continuazione: tutte queste cose ci dovrebbero far venire il dubbio che qualcosa non funziona. Non sono solo questi dettagli a farci capire che è arrivato il momento di intervenire sull’impianto elettrico, ma anche la sua “età” visto di solito questo dura 15-20 anni. Trascorso questo periodo bisogna adeguare l’impianto alle nuove normative perché considerato obsoleto.

Le case attuali, infatti sono sempre più smart quindi gli impianti sono sottoposti a costanti sollecitazioni. Questo vuol dire che l’impianto sotto sforzo potrebbe mettere a rischio la nostra salute e nello stesso tempo comportare costi in bolletta molto alti. Mentre la sostituzione deve essere fatta dopo 15 anni e richiede interventi invasivi e la sostituzione completa dei componenti di rete, la manutenzione va effettuata ogni 5 anni. Gli interventi in questo caso si limitano alla sostituzione di elementi usurati per migliorare le prestazioni.

Le caratteristiche di un nuovo impianto elettrico

Prima di rifare l’impianto elettrico è bene informarsi sulle caratteristiche che deve avere per essere a norma. In un impianto sicuro:

  • Deve essere presente un interruttore di emergenza all’interno dell’appartamento
  • Ci devono essere due interruttori differenziali perché in caso di malfunzionamento su una linea, l’altro entra in funzione
  • Il dimensionamento deve essere di 3kw in un appartamento fino a 75 mq e di 6 kW dai 75 mq in su
  • I cavi devono essere sfilabili
  • Nella centralina ci devono essere almeno due moduli liberi di riserva e il conduttore di terra

Stabilito questo, bisogna decidere anche la potenza di cui si ha bisogno in casa,  questo dipende dalla metratura dell’appartamento. Successivamente bisogna decidere la quantità e il posizionamento delle prese, della luce e degli attacchi degli elettrodomestici.

Proprio in questo senso ci sono differenti tipologie di impianti:

  • Livello base: è un impianto semplice con punti luce in base alla metratura e due interruttori differenziali
  • Livello standard: quando si vuole un impianto di livello superiore a quello semplice e ci sono più punti luce e prese, oltre a due interruttori differenziali selettivi
  • Livello domotico: l’impianto smart tiene sotto controllo i consumi e li regola in base alle necessità

L'iter per realizzare un impianto elettrico

L’impianto elettrico deve essere realizzato da professionisti (ingegneri) iscritti all’albo che avranno il compito di progettare ogni dettaglio. Il progetto stesso deve essere corredato da una relazione tecnica, da disegni planimetrici e dagli schemi dell’impianto. Il passo successivo consiste nella presentazione allo sportello unico per l’edilizia: in caso di un edificio di nuova costruzione sarà necessaria anche una richiesta di agibilità.

Realizzare un impianto elettrico costa molto e dipende dalla tipologia, dalle dimensioni dell’appartamento, dalla potenza e dalle opere murarie da realizzare, ma fortunatamente si possono sempre sfruttare le agevolazioni fiscali del caso.

Prodotti Amazon

Contatore elettrico

Misuratore potenza

Prese smart

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto elettrico: come capire quando è arrivato il momento di rifarlo

Today è in caricamento