Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Cibo

Storia dei biscotti del Lagaccio, che viaggiavano via mare

I biscotti del Lagaccio sono un prodotto da forno tipico di Genova. Il loro nome si lega a un quartiere della città ligure e sono ancora oggi consumati durante la prima colazione

I biscotti del Lagaccio sono un dolce tradizionale genovese, nati nel quartiere Lagaccio a cui si deve il loro nome. Sono una delle golosità più note della città ligure, consumati soprattutto durante la prima colazione. La doppia cottura è una caratteristica distintiva di questi biscotti, che vengono prima cotti come un pane dolce, poi tagliati a fette e cotti nuovamente per ottenere la consistenza croccante. I biscotti del Lagaccio nascondono anche una storia affascinante legata alla tradizione marittima della città. Vi raccontiamo come nascono e dove trovare i migliori.

I biscotti del Lagaccio

I biscotti del Lagaccio: storia e origini 

La storia di questa prelibatezza è legata al quartiere del Lagaccio, nella zona nord est della città di Genova. Qui si trova infatti un bacino di acqua artificiale, voluto fortemente dal mitico Doge Andrea Doria intorno al 1530. Siamo nel periodo di massimo splendore per la Repubblica Marinara di Genova. Il Doria fece realizzare una meravigliosa villa ai piedi della collina di Granarolo, l’attuale Palazzo del Principe, per cui si rese necessaria una grande riserva d’acqua per le sue fontane, per i mulini e per le riserve idriche della flotta navale. Venne così costruito un bacino artificiale, la cui diga formò un lago che venne chiamato dagli abitanti, in forma dispregiativa, "Lagaccio", ancora oggi nome del quartiere.

Un secolo dopo, nel 1652, la Repubblica di Genova decise di costruire una manifattura di polveri da sparo nell'area del Lagaccio, poiché questa lavorazione richiedeva grandi quantità di acqua. A questo nucleo si aggiunse poi anche un forno che per la prima volta nel XVII secolo diede vita ai famosi biscotti del Lagaccio.

Uno dei dolci più tipici di Genova

Il pasto del marinaio ligure e la lunga conservazione dei biscotti a bordo

I biscotti del Lagaccio iniziano così a essere consumati soprattutto a bordo dei pescherecci e delle flotte navali genovesi. Infatti la loro nascita si intreccia indissolubilmente con la storia marittima di Genova. Nel XVIII Secolo, i marinai affrontavano lunghi viaggi in mare aperto, navigando verso destinazioni lontane. Durante queste traversate, la necessità di avere cibi che potessero conservarsi a lungo senza deteriorarsi era di vitale importanza. Ecco che a bordo oltre alle conserve di pesce c’erano anche questi biscotti utilizzati come pane.

Preparati con ingredienti semplici i biscotti del Lagaccio venivano cotti due volte proprio per garantire una lunga conservazione. La prima cottura trasformava l'impasto in un pane dolce, mentre la seconda, dopo aver tagliato il pane a fette, conferiva ai biscotti la loro caratteristica croccantezza. Questo metodo permetteva ai marinai di portare con sé una scorta di biscotti che durava per mesi, offrendo una fonte di nutrimento e conforto durante le giornate in mare.

La ricetta moderna e dove si trovano i biscotti del Lagaccio a Genova

I biscotti del Lagaccio sono dunque una preparazione semplice, adatta a tutti e consumabili in diversi momenti della giornata. Alla ricetta originaria con il tempo si sono inseriti nuovi ingredienti: con l’aggiunta di aromi o liquore all’anice, burro e zucchero questi biscotti hanno trovato nel secolo scorso adeguata collocazione nell’ambito della tradizionale pasticceria secca. C’è una preparazione simile anche nel basso Piemonte dove si sono diffusi nella variante più leggera e chiamati biscotti della salute, più adatti alla prima colazione.

La psticceria Tagliafico a Genova

Oggi i biscotti del Lagaccio sono uno dei dolci da forno e piccola pasticceria più comuni di Genova. Sono anche un prodotto confezionato da molte aziende locali: come Preti, forno artigianale nato nel 1851 e oggi piccola industria che produce specialità genovesi come appunto i biscotti del Lagaccio. Oppure il Biscottificio Grondona, che da piccola pasticceria si è gradualmente allargata fino a essere una realtà commerciale tra le più note in città e con oltre 200 anni di storia. Nel centro di Genova c’è invece da menzionare la Pasticceria Tagliafico, nata nel 1890 da un giovane cuoco delle navi che collegavano Genova con l'America latina. Un passaggio fondamentale se si è a Genova per trovare i famosi biscotti del Lagaccio e tante altre specialità locali.

Leggi il contenuto originale su CiboToday

Leggi il contenuto integrale su CiboToday

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Today è in caricamento