rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Città Palermo

"Ti libero dal demonio" e palpeggiava le fedeli: arrestato a Palermo prete esorcista

In manette è finito padre Salvatore Anello, molto noto a Palermo come "guaritore" ed esorcista". Arrestato anche un colonello dell'Esercito. L'inchiesta è nata dalla denuncia di una delle vittime

A Palermo era molto conosciuto per le sue "preghiere di guarigione". Padre Salvatore Anello, 49enne cappellano dell'ospedale civico, molto noto come "guaritore" ed "esorcista", è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale. Gli agenti della polizia giudiziaria lo hanno fermato nel convento dei Cappuccini. Il prete avrebbe palpeggiato due donne e tre minorenni che si erano rivolte a lui per essere aiutate. Con lui è finito in manette anche un ufficiale dell'esercito, che faceva parte dello stesso gruppo di preghiera. Gli abusi sarebbero avvenuti quando le vittime si recavano nello studio del sacerdote, accusato di celebrare "la preghiera di guarigione", palpando insistentemente le donne nelle parti intime.

Le indagini sono partite dopo la denuncia di due minorenni e della madre, che hanno denunciato di aver subito violenza sessuale da parte di Salvatore Muratore, 59 anni, colonnello dell'esercito, in servizio presso la caserma Turba. L'ufficiale, uno degli animatori più attivi della comunità del Rinnovamento dello Spirito Santo, era molto vicino al prete che diceva di essere un esorcista, anche se ufficialmente non era riconosciuto come tale dalla diocesi di Palermo. E' accusato di aver abusato di quattro donne e di una minorenne, in stato di fragilità mentale, secondo quanto riporta Il Corriere del Mezzogiorno. 

Le indagini hanno permesso di individuare una donna oggetto delle attenzioni di Muratore, un parente della prima vittima, la quale ha raccontato agli investigatori che il colonello avrebbe utilizzato ogni sua confindenza per convincerla di essere posseduta dal malocchio. Con il pretesto di liberarla dal demonio, Muratore avrebe abusato sessualmente anche di un'altra minore, chiedendole di inviarle delle sue foto in costume. La giovane ha riferito che era stata la madre, facente parte dello stesso gruppo di preghiera dell'indagato, a consigliarle di rivolgersi a Muratore.

Sono in corso ulteriori indagini per accertare se ci sono altre vittime ed eventuali altri soggetti coinvolti.

La notizia su PalermoToday

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ti libero dal demonio" e palpeggiava le fedeli: arrestato a Palermo prete esorcista

Today è in caricamento