Sabato, 23 Ottobre 2021
Vicenza

Accompagnò l'amica in Svizzera per l'eutanasia: sarà processato

Secondo il pm l'uomo avrebbe agevolato il suicidio dell'ottantenne Oriella Cazzanello

Lo scorso gennaio accompagno l'amica Oriella Cazzanello, 80enne di Arzignano (Vicenza), in Svizzera per farle ricevere la dolce morte, dovrà risponderne in tribunale il prossimo settembre. 

Come riportato da Il Gazzettino, il pubblico ministero contesta a A.T. Ligure, portiere d'albergo a Chiavari, di aver agevolato il suicidio dell'ottantenne. La donna avviso i parenti poco prima dell'intervento per recuperare le sue ceneri. 

Sullo sfondo della vicenda anche le sorti dell'eredità dell'80enne: il portiere ligure potrebbe incassare gli 800 mila euro di .

Riportiamo a proposito parte del comunicato diffuso dalla clinica Lifecircle il 2 marzo 2014."La signora è stata  in contatto per mesi con l’Associazione Lifecircle, durante i quali è stata motivata a continuare a vivere, prima che il suo desiderio di morire fosse accolto, come comprensibile, da parte del Consiglio della Fondazione e di due medici svizzeri.


"Nella valutazione sulla sua volontà di morire, come al solito, si è tenuto conto della capacità di intendere e di volere, della durata e della persistenza della propria richiesta di morire, dell’assoluta mancanza di qualsiasi influenza esterna, oltre alla verifica dei sintomi della malattia descritti dalla paziente". (Da VicenzaToday)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accompagnò l'amica in Svizzera per l'eutanasia: sarà processato

Today è in caricamento