Venerdì, 14 Maggio 2021
Roma

Acqua bollente contro il figlio neonato dopo una lite con la moglie

Il dramma a Roma. L'uomo, un 41enne, è stato arrestato

Foto di repertorio Ansa

Una violenza cieca, scioccante. A Roma un uomo ha gettato dell'acqua bollente contro il figlioletto di 7 mesi provocandogli ustioni di primo e secondo grado. Ubriaco, prima aveva litigato con la moglie, picchiandola. A farne le spese anche l'altro figlio di 4 anni, colpito con un pugno al torace e costretto assieme al fratellino alle cure dell'ospedale.

L'uomo, un 41enne, è stato arrestato con le accuse di maltrattamenti personali e lesioni gravi. E' successo la sera di mercoledì in via dell'Omo, a Tor Tre Teste, in seguito ad un violento litigio fra marito e moglie, entrambi cittadini marocchini di 41 anni. Dalle parole l'uomo è però passato ai fatti picchiando la donna violentemente. Da qui l'intervento del figlio maggiore, di 4 anni, che intervenuto in difesa della mamma è stato a sua volta picchiato dal padre.

La furia cieca dell'uomo non si è però arrestata: il 41enne ha gettato dell'acqua bollente contro l'altro figlio, un neonato di appena sette mesi, provocandogli delle ustioni di primo e secondo grado nella zona inguinale. La polizia è intervenuta nell'abitazione dopo la segnalazione dei vicini, allertati dalle urla provenienti dall'appartamento.

La moglie dell'uomo è stata trasportata in ospedale con dieci giorni di prognosi assieme al figlio più grande, medicato al pronto soccorso, e al neonato di sette mesi, ricoverato per le ustioni infertegli dal genitore. L'uomo è stato arrestato. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua bollente contro il figlio neonato dopo una lite con la moglie

Today è in caricamento