rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Città Bari

'Muri legali' in città: nasce il primo albo dei writers

Grazie all'iniziativa del comune di Bari ogni artista avrà a disposizione un muro della città da dipingere

BARI - Le loro performance fanno spesso discutere: arte metropolitana per alcuni, scarabocchi che imbrattano gli spazi pubblici per altri. Sta di fatto che, per la prima volta in Italia, i graffitari creativi della bomboletta potranno "adottare" e dipingere un muro della città: è l'iniziativa promossa dal Comune di Bari, che ha istituito un albo appositamente riservato a writers e street artist.

"Finalmente - ha detto il sindaco di Bari Michele Emiliano durante la cerimonia di 'consegna' delle concessioni venerdì mattina a Palazzo di Città - i giovani avranno la possibilità di concentrare le loro ispirazioni sui muri assegnati dal Comune. In alcuni casi la loro opera servirà a dare nuova vita a zone che versano in stato di degrado, secondo un principio di espressione artistica che è assolutamente libero".

Grazie al progetto 'Cap 70100', i giovani writers che si iscrivono all'albo otterranno in gestione per un anno un muro della città - tra i 26 selezionati dal Comune - di cui saranno responsabili giuridicamente e che potranno dipingere liberamente, contribuendo in questo modo alla riqualificazione delle zone a maggior rischio degrado.

Unico limite alla libertà di espressione i contenuti xenofobi e le discriminazione religiose e di genere, mentre restano chiaramente esclusi dal progetto i muri del centro storico e tutti quelli sottoposti a vincolo ambientale e architettonico.

Vittorio Parisi, componente dell'associazione V-Roots che ha promosso questa iniziativa, ha presentato nel dettaglio il progetto alla stampa: "Ringrazio il sindaco e tutti i ragazzi che hanno aderito al progetto - ha detto Parisi - abbiamo creduto molto in questa idea e ci siamo impegnati a portarla a termine".

La parola, in conferenza stampa, anche ai writers baresi, per la prima volta riuniti a Palazzo di Città. "Ognuno di noi ha uno stile diverso - ha dichiarato uno dei più esperti - l'importante è che trasmetta positività. L'arte è colore e grazie al colore noi riusciamo a dipingere ciò che vogliamo. Il progetto che si realizza oggi è una cosa bellissima per me e penso per tutti, abbiamo ottenuto quello che volevamo". (da BariToday)
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Muri legali' in città: nasce il primo albo dei writers

Today è in caricamento