Lunedì, 8 Marzo 2021
Firenze

L'amarezza degli ambulanti: "Anche oggi incasso tondo: zero euro"

Al mercatino di San Lorenzo, a Firenze, la metà delle postazioni è ormai vuota. La speranza si chiama Natale

Il mercato di San Lorenzo a Firenze

"Ho aperto, a differenza di ieri, ma anche oggi chiuderò con incasso tondo. Quanto? Zero euro". Per gli ambulanti del mercatino di San Lorenzo, a Firenze, ormai il bollettino quotidiano è impietoso. "Che senso ha star qui a non vender nulla?".

Emiliano Benedetti racconta su FirenzeToday che con il turismo tornato ai minimi, molti commercianti preferiscono non aprire. La metà delle postazioni è ormai vuota. 

"In estate era ripartito un po' di turismo e qualcosa abbiamo venduto. Ad ottobre quasi nulla", dice Firooz, iraniano di origine ma ormai di casa a Firenze. Il mese a venire, con quasi tutta Europa chiusa (per non parlare della situazione negli Stati Uniti) non promette nulla di buono. La speranza si chiama Natale.

"Vedremo", dice, mantenendo una grande pacatezza, Firooz. È ormai da tempo sposato con una donna italiana e sua figlia lavora nel negozio. Vendono, tutto in pelle, giubbotti, borse, portachiavi e altro ancora.

ambulanti chiusi al mercato di san lorenzo-2

"Non ho dipendenti, faccio tutto da solo. Porto il banco la mattina, apro, resto qui tutto il giorno e la sera chiudo e lo riporto nel fondo", spiega, con i suoi 75 anni portati a meraviglia. 

"Sono ambulante con il banco in affitto dal 1987. Passerà anche questa", prosegue l'ambulante. Che pure in Iran era architetto laureato, dipendente del ministero dello Sport. Lavoro ottimo. "Poi però c'è stata la Rivoluzione (1979, ndr) e son dovuto venir via". Ma questa è un'altra storia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'amarezza degli ambulanti: "Anche oggi incasso tondo: zero euro"

Today è in caricamento