Giovedì, 24 Giugno 2021
Città Arezzo

Nonno Angiolo, 105 anni e un regalo: il vaccino contro Covid-19

È il vaccinato più anziano della Toscana. A chi gli chiede il segreto della sua longevità, risponde: “Mi sono sempre fatto confondere poco dalla gente”

Festa della Rsa San Romualdo di Pratovecchio (Arezzo), dove uno degli ospiti, Angiolo Sabatini, ha spento ben 105 candeline. Tra i “regali”, il signor Angiolo lo scorso 7 gennaio ha ricevuto anche la prima dose del vaccino contro Covid-19, diventando il vaccinato più anziano in Toscana. Autonomo, lucido, riservato e solitario, a chi gli chiede il segreto della sua longevità, Angiolo risponde: “Mi sono sempre fatto confondere poco dalla gente”. 

Originario di Castel San Niccolò, l’anziano ha lavorato per molto tempo come boscaiolo, poi è diventato muratore, costruendo una casa per sé e una per il figlio, Paolo. Per un periodo ha fatto anche l’esattore fiscale. Vedovo da 30 anni, dal 2015 è ospite della Rsa di Pratovecchio, spesso chiuso nella sua stanza a leggere il giornale. “Ha scelto lui di andare nella residenza per anziani - spiega il figlio Paolo – prima era ospite delle monache di Prato di Strada, poi ha voluto cambiare e dopo aver fatto un giro nelle strutture della zona, ha deciso di trasferirsi a Pratovecchio, dove lavora una sua conoscente, tra le cuoche della struttura”.

Angiolo Sabatini, 105 anni e il vaccino anti Covid

Nel corso della sua lunga vita, il signor Angiolo è stato testimone di tante cose, ha visto una società trasformarsi rapidamente sotto i propri occhi, eventi storici che lo hanno fortificato, due conflitti mondiali vissuti nella propria pelle, e tante altre piccole grandi battaglie quotidiane che non l’hanno affatto demotivato o indebolito. E oggi è orgoglioso di continuare a lottare e di aver ricevuto il vaccino per riuscire a superare anche quest’ultima dura prova: Covid-19.

Angiolo Sabatini 1-2

Gli operatori della struttura e della cooperativa che gestisce la Rsa lo definisco una “forza della natura” e lo considerano un po’ la mascotte di San Romualdo, dove finora non si sono registrati casi di coronavirus.  

Il sindaco di Montemignaio, Roberto Pertichini ricorda le giornate passate insieme durante la battitura del grano e i pranzi offerti dalla sua famiglia a casa Lugenia dove tutti si ritrovavano a fine lavoro. “Siamo orgogliosi e felici che la campagna di vaccinazioni contro il Covid 19 sia partita proprio dalle persone fragili come Angiolo, che si è conquistato il primato di vaccinato più anziano della nostra Regione. Tutelare gli anziani è una nostra responsabilità, sono una ricchezza che abbiamo il dovere di proteggere”, è il commento del sindaco di Pratovecchio Stia, Nicolò Caleri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nonno Angiolo, 105 anni e un regalo: il vaccino contro Covid-19

Today è in caricamento