Lunedì, 18 Ottobre 2021
Città Roma

Anzio, nigeriano inseguito in strada e preso a bastonate da due ragazzi: "Odio razziale"

Il 18enne è stato arrestato mentre il 17enne è stato denunciato. L'accusa per entrambi è di lesioni personali aggravate dalla discriminazione razziale in concorso

Gravissimo episodio ad Anzio. Hanno visto passare un giovane nigeriano sotto le loro finestre e sono scesi per aggredirlo. Il 24enne è riuscito a fuggire ma i due non contenti, dopo aver preso due bastoni in casa, lo hanno inseguito e raggiunto nelle vicinanze della stazione di Anzio (Roma). Lì hanno cominciato a prenderlo a bastonate.

Anzio (Roma), inseguono nigeriano in strada e lo bastonano

I due aggressori, un 17enne e un 18enne, sono stati però visti correre con i bastoni da due carabinieri in borghese che hanno avvisato i colleghi in servizio. I militari della stazione di Anzio e dell'Aliquota operativa della compagnia di Anzio li hanno sorpresi proprio mentre prendevano a bastonate il ragazzo nigeriano. Il 18enne è stato così arrestato mentre il 17enne è stato denunciato. L'accusa per entrambi è di lesioni personali aggravate dalla discriminazione razziale in concorso. Il nigeriano aggredito ha avuto sette giorni di prognosi e ha riportato una ferita alla testa e una contusione alla spalla. I due aggressori abitano nello stesso stabile mentre il nigeriano aggredito è domiciliato in un centro di accoglienza di Anzio. L'aggressione è avvenuta sabato intorno alle 13.

Anzio, Leodori: "Episodio gravissimo e purtroppo non isolato"

 "Episodio gravissimo e purtroppo non isolato": così il vice presidente della Regione Lazio Daniele Leodori commenta l'aggressione avvenuta ad Anzio, dove due giovani hanno rincorso in strada e picchiato a bastonate un 24enne nigeriano. "Purtroppo in questi mesi il numero di violenze a sfondo razzista è cresciuto e questo deve far alzare l'allarme ma soprattutto far capire a tutti che bisogna fermare le onde d'odio, i messaggi di propaganda per cui il diverso, il più debole è un bersaglio. Al giovane africano vittima dell'aggressione va la nostra vicinanza con l'augurio - conclude Leodori - che i due ragazzi, di cui uno ancora minorenne, autori di questa follia saranno aiutati nel capire cosa hanno veramente fatto e chiedere il perdono di un altro ragazzo che ha la pelle diversa dalla loro".

Aggressione razzista Anzio, Dureghello: "Alzare livello attenzione"

"Bisogna alzare il livello di attenzione su quanto sta accadendo in queste settimane. Un`altra aggressione razzista, questa volta ai danni di un ragazzo nigeriano, a cui va tutta la solidarietà e vicinanza della Comunità Ebraica di Roma", lo ha sottolineato Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma, dopo l'aggressione avvenuta ad Anzio.

"Se pensiamo che le parole ed i gesti nostalgici del ventennio non abbiano effetti, questa è la dimostrazione che purtroppo non è così", ha sottolineato Dureghello, aggiungendo: "Sono proprio le istituzioni a dover dare l`esempio. Penso che potrebbe essere un segnale importante riparare al torto di qualche mese fa quando venne negata una benemerenza a Adele Di Consiglio". E "oggi conferirle questo riconoscimento sarebbe un bel messaggio per tutta la cittadinanza".

Due aggressioni razziste in mezz’ora alla periferia di Roma: il racconto di Zakaria e Jakir

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anzio, nigeriano inseguito in strada e preso a bastonate da due ragazzi: "Odio razziale"

Today è in caricamento