rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Città Reggio Calabria

'Ndrangheta negli appalti della Salerno-Reggio: 12 arresti

L'operazione dei carabinieri di Reggio Calabria su ordine della direzione distrettuale antimafia

REGGIO CALABRIA - Le mani della 'ndrangheta negli appalti per la realizzazione del sesto macrolotto dell'autostrada A3. Secondo gli inquirenti, la cosca imponeva il versamento del 3% alle imprese impegnate nel completamento dei lavori di ammodernamento della Salerno-Reggio Calabria. Sono dodici i fermati a Reggio Calabria in un'operazione dei carabinieri su ordine della Direzione distrettuale antimafia.  

Gli arrestati appartengono alla 'ndrangheta nella sua articolazione territoriale denominata cosca "Nasone-Gaietti", operante nel territorio del comune di Scilla, responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dall'aver favorito un sodalizio mafioso.

Gli accertamenti sono cominciati circa un anno fa, dopo l'arresto in flagranza di Giuseppe Fulco, presunto affiliato alla cosca di Scilla. Fulco in quell'occasione fu preso mentre intascava una mazzetta di seimila euro, il 3% del valore dell'appalto, che una ditta aveva versato per poter continuare in tranquillità i lavori sulla strada statale 18 nei pressi di Scilla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta negli appalti della Salerno-Reggio: 12 arresti

Today è in caricamento