rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Città Cosenza

"Legami con un boss": arrestati due consiglieri provinciali

Cosenza: ai domiciliari Umberto Bernaudo e Pietro Paolo Ruffolo, entrambi del Pd. Nel mirino degli inquirenti le provinciali del 2009

COSENZA -  Alle provinciali del 2009, secondo le indagini degli inquirenti, Umberto Bernaudo e Pietro Paolo Ruffolo, consiglieri provinciali di Cosenza, avrebbero fatto accordi per la gestione di una società di servizi del comune di Rende con il boss della 'ndrangheta Michele Di Puppo.

I due politici sono stati arrestati questa mattina nel corso di un'operazione eseguita dalla Dia e dai carabinieri del comando provinciale di Cosenza. I due esponenti politici in quota Pd sono accusati di aver fatto accordi e intrecci con il boss della 'ndrangheta Di Puppo, a cui l'ordinanza è stata notificata in carcere, dove si trovava detenuto per altra causa.


Bernaudo e Ruffolo erano già indagati, nei mesi scorsi, in qualità di ex sindaco ed ex assessore del comune di Rende, per concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e voto di scambio. I provvedimenti restrittivi, emessi dal Gip distrettuale di Catanzaro, nascono da un ulteriore filone d'indagine. Ai due il magistrato ha concesso gli arresti domiciliari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Legami con un boss": arrestati due consiglieri provinciali

Today è in caricamento