rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Città Roma

Titolare del bar della Corte d'Appello molesta le dipendenti

Le indagini, partite due anni fa dopo una denuncia di una dipendente, hanno portato il gip Villoni a chiedere gli arresti domiciliari per il titolare del bar. L'accusa è violenza sessuale

ROMA - Palpeggiamenti, molestie e proposte a sfondo sessuale. Tutto da accettare, rigorosamente in silenzio. Pena per un rifiuto, il posto di lavoro.

Questo è quanto erano costrette a subire le dipendenti del bar della Corte di Appello di Roma. Protagonista delle 'particolari attenzioni' il titolare dell'esercizio commerciale. Titolare che, in mattinata, è stato raggiunto da un'ordinanza di custodia domiciliare.

A fare luce su questa situazione sono state le indagini del pm Eugenio Albamonte, partite due anni fa a seguito della denuncia di una dipendente del bar. Gli inquirenti, nel corso degli accertamenti di rito, hanno sentito altre ragazze che, per non accettare il ricatto, avevano lasciato il lavoro.

E che naturalmente hanno confermato le accuse della loro ex collega. Sembra, addirittura, che le ragazze venissero scelte più per il loro aspetto fisico, che per la loro preparazione professionale.

A questo punto l'impianto accusatorio è stato 'semplice' da costruire. L'accusa per "violenza sessuale in relazione a molestie continue e sistematiche" ha portato il gip Orlando Villoni a firmare la richiesta di arresti domiciliari per il titolare del bar. (da RomaToday)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Titolare del bar della Corte d'Appello molesta le dipendenti

Today è in caricamento