"Sono qui per una vacanza": in corpo gli trovano 700 grammi di cocaina

Nuovo sequestro di sostanze stupefacenti a Porto Torres (Sassari) dopo la sbarco del traghetto proveniente da Barcellona. Il giovane "turista" venezuelano aveva subito attirato l'attenzione delle Fiamme Gialle

Le Fiamme Gialle di Porto Torres, coordinate dal comando provinciale e dal gruppo di Sassari, hanno subito capito che c'era qualcosa di sospetto: nemmeno loro potevano però immaginare quanto poi è venuto alla luce. Nuovo grosso sequestro di sostanze stupefacenti dopo la sbarco del traghetto proveniente da Barcellona.

Fermato per un controllo a Porto Torres (Sassari): "Sono qui in vacanza"

Nel corso delle operazioni di sbarco dei turisti provenienti dalla Spagna, i finanzieri hanno deciso di fermare per un normale controllo un giovane venezuelano che dichiarava con freddezza di essere un imprenditore del settore dell’esportazione di banane e di trovarsi in Sardegna "per una vacanza". L'uomo era da solo, era appena sbarcato senza auto al seguito. I cani antidroga Bamby e Agon hanno poco dopo segnalato la presenza di tracce di sostanze stupefacenti nelle valigie dell'uomo, convincendo i militari a condurre il sospettato in caserma per una perquisizione personale e dei bagagli più approfondita, che tuttavia ha dato esito negativo.

I controlli hanno fatto emergere precedenti viaggi nell’Isola, in contrasto con le dichiarazioni rese. il "turista" era anche in possesso di un biglietto con scritta a mano una sorta di terapia farmacologica o vitaminica con l'indicazione delle quantità da ingerire a colazione, pranzo, merenda e cena, in date prossime all’imbarco dalla Spagna. I militari hanno deciso di accompagnare il ragazzo all’ospedale di Sassari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Droga, in corpo aveva 700 grami di coca purissima: arrestato

Gli accertamenti hanno evidenziato la presenza di corpi estranei, ma il venezuelano ha continuato a respingere ogni addebito. A quel punto il giovane è stato trattenuto nella struttura anche per tutelare la sua incolumità - la rottura anche di un solo ovulo gli sarebbe stata fatale - e un giorno dopo il ricovero ha espulso in più tempi 50 ovuli, confezionati con numerosi strati di lattice per evitare che il processo digestivo potesse romperli. In tutto più di 700 grammi di cocaina purissima, che sul mercato della droga sarebbe stata venduta per 350mila euro. E' stato arrestato e trasferito nel carcere di Bancali, alle porte di Sassari: è disposizione dell'autorità giudiziaria.

Anche gli spacciatori piangono Rocky, il cane antidroga morto: "Abbiamo un cuore"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Amedeo Minghi ricoverato: "Avervi accanto è importante" (VIDEO)

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Storie Italiane, Luca Argentero a Eleonora Daniele: “Non sapevo fossi incinta”

Torna su
Today è in caricamento