rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Città Piacenza

Sesso con la studentessa in cambio della sufficienza in pagella: professore condannato

E' stato condannato a 3 anni il prof del Romagnosi a Piacenza arrestato nel giugno del 2012 per atti sessuali nei confronti di una sua alunna di 14 anni. Il pm aveva chiesto una pena di 4 anni e 6 mesi. Risarcimento di 110mila euro

PIACENZA - E' stato condannato a 3 anni di reclusione l'insegnante piacentino di 46 anni dell'istituto Romagnosi che nel giugno del 2012 era stato arrestato dalla polizia per atti sessuali con minori. La squadra mobile aveva scoperto che l'uomo aveva una relazione con una sua studentessa di 14 anni in cambio della sufficienza in pagella. Questa mattina si è svolto il rito abbreviato in tribunale a Piacenza davanti al giudice Gianandrea Bussi. Il pubblico ministero Michela Versini, nella sua requisitoria, aveva chiesto 4 anni e 6 mesi di reclusione.

L'imputato doveva rispondere di due capi: uno riguardava gli atti sessuali consumati con la 14enne, l'altro un tentativo. Per questo secondo capo è stato però assolto. Il giudice Bussi ha anche stabilito a titolo si risarcimento una provvisionale subito esecutiva di 80 mila euro, più 15 mila euro per ciascuno dei due genitori.

L'avvocato difensore è comunque soddisfatto per l'assoluzione su un capo di imputazione a carico dell'insegnante. Assoluzione che, secondo il legale, farebbe dunque cadere l'aura di "maniaco" gettata addosso all'imputato. "Il mio assistito è stato assolto da uno dei capi di imputazione perché il fatto non sussiste. Essendo stato condannato quindi per un solo capo di imputazione, per il quale tra l'altro attendiamo le motivazioni della sentenza tra 60 giorni, viene a cadere il discorso più ampio su presunte condotte sospette o seriali nei confronti di altre ragazze".

IL RACCONTO: "DICEVA DI AMARMI" | GUARDA IL VIDEO

"Inoltre è giusto ricordare che siamo di fronte a una relazione con una persona consenziente, senza alcun tipo di abuso in forza della propria autorità di insegnante. Una relazione che si basa comunque su un consenso, anche se la legge non lo reputa valido". Il legale si è riservato di presentare il ricorso in Corte di Appello una volta lette le motivazioni della sentenza.

A incastrare il 46enne c'erano mesi di pedinamenti e intercettazioni. La polizia lo aveva pedinato, nonostante fosse molto scaltro e attento, mentre incontrava una delle sue studentesse, una piacentina di 14 anni che, in cambio dei bei voti in pagella, aveva con lui rapporti orali e rapporti sessuali. Ma che probabilmente si era anche innamorata di lui, tanto da accettare dei regali come un completo intimo sexy, un braccialetto e un ciondolo. Ma la questura era convinta che l'uomo avesse fatto la stessa cosa con tante altre studentesse nell'arco degli ultimi vent'anni, cioè da quando aveva iniziato a insegnare.

Infatti, poco dopo il suo arresto, un'altra ragazza si era rivolta alla questura raccontando di avere avuto una vera e propria storia d'amore con l'insegnante. «Ho amato per anni e anni una persona che non è mai esistita. Che è esistita solo nella mia testa. La persona che ho avuto accanto e che pensavo mi amasse». Piangendo commossa, mentre raccontava la sua drammatica vicenda, una giovane piacentina, che - come detto da lei stessa - per anni ha avuto una relazione sentimentale stabile con quell'uomo. «Abbiamo avuto una relazione da quando avevo 15 anni fino a quando è stato arrestato». In questo caso l'uomo insegnava ancora al liceo Gioia. (da ilPiacenza)

(foto di repertorio)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesso con la studentessa in cambio della sufficienza in pagella: professore condannato

Today è in caricamento