Sabato, 18 Settembre 2021
CRONACA / Benevento

Gare per appalti pubblici truccate: nove arresti

Operazione "Baffo d'oro" a Benevento: misure restrittive per imprenditori e amministratori società

BENEVENTO - Nove provvedimenti restrittivi, emessi dalla magistratura beneventana, sono stati eseguiti dai carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Benevento, nell'ambito dell'operazione 'Baffo d'oro'. 

I destinatari dei provvedimenti cautelari sono imprenditori e amministratori di società, tutti della provincia di Benevento. 

I reati contestati sono associazione a delinquere finalizzata alla ciclica turbativa di numerose gare d'appalto pubbliche nel settore edilizio e urbanistico, bandite nel territorio campano e molisano, a partire dal 2002 ad oggi.

Fra gli arrestati Giuseppe Ciotta, 59enne, soprannominato 'baffo di ferro', ritenuto il capo del gruppo criminale ed esponente della criminalità organizzata locale e collegato al clan Pagnozzi di San Martino Valle Caudina (Avellino). 

Le gare di appalto prese in esame dagli investigatori sono state oltre 50 per un valore di circa 20 milioni di euro e hanno riguardato la realizzazione di opere pubbliche in particolare piazze, strade, marciapiedi, piscine, stadi, lavori di recupero dei centri storici, scuole, fabbricati comunali, cimiteri e acquedotti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gare per appalti pubblici truccate: nove arresti

Today è in caricamento