rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Messina

Augusta Turiaco, la prof morta dopo il vaccino Astrazeneca: "Non fu colpa dei medici"

Depositata la perizia dei consulenti della procura che esclude da ogni colpa i sanitari

Ci sarebbe un nesso causale tra tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e la morte della docente Augusta Turiaco, la professoressa di musica deceduta il 30 marzo 2021 a Messina. È quanto messo nero su bianco dai consulenti della Procura di Messina che hanno depositato la relazione tecnica medico – legale con le indagini istologiche e di laboratorio.

Esclusa la sussistenza di ulteriori cause patogenetiche o di disordini immunitari o infezioni, mentre lo specialista in medicina legale ha riscontrato gli "anticorpi antieparina PF4". I consulenti nelle 59 pagine diffuse dall'avvocato Daniela Agnello che assiste la famiglia della professoressa, mettono in relazione il decesso con la somministrazione del vaccino AstraZeneca avvenuta in data 11 marzo 2021.

Nessuna colpa viene data ai sanitari intervenuti nella vicenda visti gli scarsi dati che erano noti nella letteratura scientifica al momento della somministrazione "oltre l’assoluta incertezza normativa dell’epoca".

Come spiega la famiglia l’esposto-denunzia era stato presentato contro la società AstraZeneca chiedendo l’avvio di indagini sulla produzione e commercializzazione del vaccino, sulla regolarità della sperimentazione.

"Abbiamo chiesto di accertare - spiega il legale Agnello - se la sperimentazione del vaccino, avvenuta in tempi straordinariamente accelerati, ha seguito correttamente le linee guida e i protocolli previsti in materia, con corretto ed evolutivo aggiornamento degli stessi. Abbiamo domandato di indagare sulla corretta informazione degli effetti collaterali del vaccino, e sulle corrette indicazioni nel consenso informato sottoscritto da Augusta. Si rammenta che proprio AstraZeneca stessa ha ammesso, in data 25 marzo, che il suo vaccino non è sempre sicuro, perché “Alcuni casi hanno avuto esito fatale” per cui occorre che “…i vaccinati devono essere informati….”.

Ma in quella data Augusta era già nel reparto di terapia intensiva con emorragia cerebrale e lottava tra la vita e la morte.

Le rare trombosi dopo il vaccino AstraZeneca: "Abbiamo scoperto la causa" 

Quanti sono davvero i morti dopo il vaccino covid 

Complessivamente delle 608 segnalazioni gravi che riportano l’esito “decesso” (397 dopo la prima dose e in 211 dopo la seconda), solo 16 casi sono risultati correlati al vaccino: nessuno in seguito allo shock anafilattico o reazioni allergiche e la quasi totalità in seguito a complicanze di malattie o condizioni già presenti prima della vaccinazione, o per fallimento vaccinale ovvero un decesso per Covid-19 dopo la vaccinazione. Il caso di Augusta Turiaco andrebbe quindi ricondotto agli attuali tre rapporti inerenti i decessi connessi alla vaccinazione con Astrazeneca e alle rare trombosi che le ricerche hanno appurato essere probabilmente correlate alla vaccinazione con il vaccino ad adenovirus. 

decessi dopo vaccino causa-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Augusta Turiaco, la prof morta dopo il vaccino Astrazeneca: "Non fu colpa dei medici"

Today è in caricamento