La scuola rifiuta il bambino malato: "E' infettivo"

La storia di un bambino di 5 anni affetto da fibrosi cistica e la denuncia della mamma, costretta a iscriverlo in un istituto distante da casa

CATANZARO - "Il bambino ha la fibrosi cistica: niente scuola dell'infanzia". Così un istituto di Montepaone Lido, in provincia di Catanzaro, ha negato l'iscrizione a un aspirante scolaro di 5 anni affetto dalla grave malattia genetica.

Il fatto è stato denunciato dalla mamma del piccolo e confermato in una nota la Lega italiana fibrosi cistica (Lifc) onlus - associazione Calabria. La donna, secondo quanto racconta l'associazione, avrebbe ricevuto un "no" alla domanda di iscrizione del figlio, esplicitamente legato alla sua malattia.

"LA SCUOLA NON E' UN OSPEDALE" - La mamma, racconta la Lifc calabrese, si sarebbe sentita rispondere dalla dirigente scolastica che l'istituto "non può essere scambiato per un ospedale e non può quindi assistere persone affette da malattie infettive". La scuola che, secondo quanto raccontato dalla mamma, ha rifiutato l'iscrizione del piccolo con fibrosi cistica, è pubblica.

Inutile, spiegano dall'associazione, si è dimostrato il tentativo della donna di spiegare che la fibrosi cistica non è una malattia contagiosa, ma sono piuttosto anche i piccoli raffreddori delle persone che circondano il paziente a compromettere il suo già precario stato di salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LETTERA AL MINISTRO - La donna, dopo il "no", non si è arresa e ha iscritto il figlio in una scuola di Soverato. Ma per frequentare il piccolo deve percorrere diversi chilometri e fare avanti e indietro tutte le mattine. Così la mamma, stanca del pendolarismo quotidiano, ha deciso di raccontare tutto alla Lifc Calabria che sul caso (avvenuto lo scorso novembre) ha scritto una lettera indirizzata al ministro dell'Istruzione, al sindaco del Comune di Montepaone, all'Ufficio scolastico regionale della Calabria e a quello provinciale di Catanzaro, chiedendo "un intervento immediato teso alla definitiva risoluzione del problema, concedendo il diritto all'istruzione e alla socializzazione al bambino discriminato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il caldo, quello vero: allerta in 10 città ma il weekend subirà un'irruzione atlantica

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento