rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Trieste

Cadavere in due sacchi neri trovato vicino casa di Liliana Resinovich

La scoperta nei giardini dell’ex ospedale psichiatrico di San Giovanni a Trieste. Non si escluse possa essere proprio la pensionata scomparsa il 14 dicembre scorso

Un cadavere dentro due sacchi neri è stato trovato nel pomeriggio nei giardini dell'ex ospedale psichiatrico di San Giovanni, a Trieste. Il parco si trova nello stesso rione in cui abita Liliana Resinovich, la donna scomparsa il 14 dicembre.

Secondo le prime informazioni, il cadavere sarebbe di una donna. Era avvolto in due sacchi ed è stato trovato dai vigili del fuoco in un sentiero vicino all'edificio W di via Weiss, al civico 21. Era in posizione fetale e indossava un giubbotto di colore grigio.

L'identità della vittima non è stata ancora confermata ma non è escluso possa essere Liliana Resinovich. Il marito della donna, Sebastiano Visintin, appreso del ritrovamento del cadavere, è arrivato sul posto accompagnato in auto da un'altra persona. "Nessuno mi ha contatto per un eventuale riconoscimento del corpo", ha detto ai cronisti presenti, spiegando di essere giunto di sua iniziativa. "Spero di non trovare il corpo di Lilly", ha detto. "Se è lei resterà una traccia indelebile nel mio cuore", ha ancora aggiunto. "Non ho neanche più voglia di vivere", ha concluso, in lacrime. E proprio in merito ai particolari del ritrovamento, l'uomo ha precisato che "Liliana ha tanti capi di abbigliamento, anche grigi".

Il giallo della scomparsa di Liliana Resinovich

Visintin oggi aveva dichiarato che il giorno della scomparsa la moglie era stava vista da una fruttivendola e inquadrata dalle telecamere di un autobus. Notizie che vanno provate, anche se l'uomo ha fornito qualche dettaglio: "Penso sia stata inquadrata proprio verso le 8.30", un orario compatibile con l'ultimo avvistamento. Lo stesso Visintin questo pomeriggio affermava che "si sta per chiudere il cerchio". Infine, l'uomo ha fatto un riferimento all'uomo di 82 anni, Claudio Sterpin, che ha affermato di avere un'amicizia affettuosa con Liliana e che il fine settimana successivo alla scomparsa sarebbero dovuti partire assieme. "È un'offesa verso mia moglie e verso di me - ha detto - non crederò mai che Liliana era pronta a partire per un week end"

Nel pomeriggio di oggi erano state attivate nuovamente le ricerche della donna proprio nel parco San Giovanni, con vigili del fuoco, polizia e corpo forestale del Friuli Venezia Giulia. Ricerche concentrate in quel punto dopo una segnalazione arrivata oggi.

Sia Sterpin sia Visintin sono stati ascoltati oggi in questura, il primo in mattinata e il secondo nel pomeriggio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadavere in due sacchi neri trovato vicino casa di Liliana Resinovich

Today è in caricamento