rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Città Torino

Lascia 50 euro per il caffè al bar: “Non si offenda, è il mio contributo per la ripartenza”

Un altro episodio di solidarietà, stavolta a Torino. Il titolare del bar: “Mi sono emozionato e commosso. È scappata anche qualche lacrima”

Sono gesti che spiazzano, ma che poi una volta lasciato il posto alla sorpresa scaldano il cuore e aiutano a guardare al futuro con più serenità. A bar appena riaperto, il titolare della Caffetteria Palazzo di Città in centro a Torino è rimasto sorpreso dal gesto di una cliente abituale questa mattina: al momento di pagare, la donna ha porto al barista 50 euro. “Non si offenda”, gli ha detto, lasciandogli la banconota. Il barista stava già per darle il resto, non capendo a cosa si riferisse, quando la donna ha specificato: “È il mio contributo per la ripartenza”. 

“Mi sono emozionato e commosso. È scappata anche qualche lacrima. In questi mesi è stata dura mentalmente, ma un gesto del genere fa capire che noi italiani siamo persone di cuore quindi ci vogliamo bene e ci diamo una mano l’uno contro”, ha raccontato a TorinoToday Fabrizio Ghedini, il titolare della Caffetteria Palazzo di Città. 

Gesti di solidarietà come questo si stanno verificando sempre più spesso in diverse città italiane, da Nord a Sud. In Sardegna una donna ha dato alle titolare del bar che frequenta un euro per tutti i giorni di quarantena trascorsi. Anche a Marsala un caso simile, con un cliente che non ha voluto il resto dei 50 euro dati alla casseria per il caffè: “Sono una persona fortunata. Ho uno stipendio da dipendente pubblico che è pagato dalle tasse che anche tu versi, a domani”.

L'intervista di TorinoToday al titolare del bar:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lascia 50 euro per il caffè al bar: “Non si offenda, è il mio contributo per la ripartenza”

Today è in caricamento