rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Città Modena

Cambia l’etichetta dell’elettrodomestico prima di andare in cassa: finisce malissimo

Un ragazzo di 22 anni è finito in manette a Modena: sull'etichetta originale da circa 800 euro ne aveva attaccata una autoprodotta da 125 euro, cercando di pagare il prezzo "scontato" alla cassa. Un piano finito nel peggiore dei modi

Voleva comprare un elettrodomestico, ma voleva anche pagarlo a un prezzo minore, un prezzo deciso da lui. Così ha realizzato un'etichetta "fatta in casa", l'ha attaccata alla scatola del prodotto e ha provato a completare l'acquisto. Un trucco "da film" che non è andato a buon fine: una pattuglia della polizia è intervenuta in un negozio del centro commerciale e in via Emilia Ovest, a Modena, dove il personale della vigilanza privata ha segnalato la presenza di un uomo che, dopo aver fraudolentemente apposto sulla scatola di imballaggio di un elettrodomestico di grandi dimensioni un’etichetta autoprodotta con un importo nettamente inferiore rispetto a quello originale, aveva pagato in cassa il prezzo "scontato".

L’uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato fermato dagli agenti di Polizia, accompagnato in Questura e sottoposto ad accertamenti più approfonditi sulla sua identità. L’indagato, residente in provincia di Venezia, è risultato sottoposto alle misure di prevenzione del divieto di ritorno nel comune di Trieste e dell’Avviso Orale, emesso dal Questore di Padova.Da accertamenti esperiti nell’immediatezza, è stato effettivamente riscontrato che sopra l’etichetta originale indicante il prezzo dell’elettrodomestico pari a 799,99 euro ne era stata applicata un’altra autoprodotta di 125,99 euro, importo che il 22enne aveva poi corrisposto al momento del pagamento alle casse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambia l’etichetta dell’elettrodomestico prima di andare in cassa: finisce malissimo

Today è in caricamento