rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca / Verbano-Cusio-Ossola

Chiama il 113: "Cosa rischio se uccido mia nonna?"

Un giovane, esasperato dalle condizioni di salute di sua nonna, aveva deciso di ucciderla. Insospettiti dalla telefonata gli agenti sono riusciti a rintracciare la casa e ad evitare il peggio

VERBANIA - All'inizio sembrava una normale telefonata: il classico "Pronto polizia?". Subito dopo, però, il giovane al telefono ha cominciato a chiedere insistentemente all'agente: "Se uccidessi la nonna che cosa rischio? Ha 96 anni, se la uccido a cosa vado incontro?". Vista la singolare richiesta, inizialmente gli agenti hanno creduto si trattasse di uno scherzo. Ma, data l'insistenza del ragazzo, hanno preferito controllare. 

Così, una volante è partita immediatamente mentre un telefonista intratteneva il giovane al telefono per cercare di rintracciare l'indirizzo dell'abitazione. Entrati in casa, gli agenti hanno scoperto che il nipote era sull'orlo di un crisi di nervi, distrutto dal difficile periodo di salute attraversato dalla nonna. L'anziana donna, infatti, si trova in gravi condizioni a causa del morbo di Alzheimer e il ragazzo avrebbe voluto far finire per sempre le sue sofferenze. Fortunatamente, però, ha prima chiamato la polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiama il 113: "Cosa rischio se uccido mia nonna?"

Today è in caricamento