rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
CRONACA / Genova

Sesso sullo schermo, prostitute in sala: chiuso cinema porno

All'interno dei cinema "notturni" vi era un vero e proprio giro di prostituzione: pagando il prezzo del biglietto si poteva fare sesso con gay, trans e prostitute

GENOVA - Quando si dice che i film sono sempre più reali. Così, mentre in sala andavano in onda le "gesta" di attori e attrici porno, sulle poltroncine del cinema Centrale, vicino alla stazione Brignole, si faceva il possibile per imitare il grande schermo. Sesso con gay, trans e prostitute: tutto pagando soltanto il prezzo del biglietto per il film. E tutto organizzato nei minimi dettagli in un giro di prostituzione che coinvolgeva anche Milano, oltre alla città ligure.  

L'indagine, che ha scoperto e "smontato" il racket, è partita dalla procura lombarda e ha portato all'arresto di tre persone e alla chiusura di tre cinema, due dei quali milanesi.

"Le prestazioni sessuali potevano svolgersi liberamente in ogni luogo (sala proiezione, bagni o atrio) o comunque nelle toilette - si legge nella relazione del pm - E tutti i presenti all’interno delle sale, a conoscenza degli atti di prostituzione liberamente compiuti, svolgevano la mansione 'cartolarmente' attribuita al fine di far ordinatamente realizzare lo svolgimento della prostituzione". (da GenovaToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesso sullo schermo, prostitute in sala: chiuso cinema porno

Today è in caricamento