Sabato, 16 Ottobre 2021
Città Milano

"Cocaina in classe": prof chiama i carabinieri, ma era solo Aspirina

Una professoressa di Sesto San Giovanni, nel milanese, ha chiamato i carabinieri perché temeva stessero utilizzando sostanze stupefacenti in aula: in realtà si trattava soltanto di Aspirina

E' bastata un po' di Aspirina sbriciolata per mandare in ansia una professoressa dell'istituto Spinelli di Sesto San Giovanni. L'insegnante, temendo che i suoi studenti stessero facendo uso di cocaina in classe, si è subito rivolta ai carabinieri che, una volta arrivati a scuola, hanno scoperto che di sostanze stupefacenti non vi era neanche l'ombra. A chiarire quanto avvenuto nella mattina di mercoledì 2 ottobre nella scuola sono stati gli stessi uomini della compagnia di Sesto San Giovanni, interpellati da MilanoToday.

Sesto San Giovanni (Milano), scambia l'Aspirina per cocaina: prof chiama i carabinieri

Tutto è accaduto intorno alle 12 quando un adolescente con il braccio ingessato ha chiesto a un compagno se avesse una Aspirina, quest'ultimo ha rovistato nella cartella e dopo una breve ricerca ha estratto una bustina con alcuni medicinali per poi passare la compressa, non proprio integra, al compagno.

Quando il giovane ha aperto l'involucro ha involontariamente sparso parte del contenuto sul banco e l'insegnante, credendo fosse cocaina ha chiamato il 112. Sul posto sono intervenuti i militari della compagnia di Sesto San Giovanni che hanno rilevato quanto accaduto accertando che non si trattava di "bianca" ma di una banale Aspirina. Non è stato preso nessun provvedimento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cocaina in classe": prof chiama i carabinieri, ma era solo Aspirina

Today è in caricamento